Brasile; Il calo del debito e i buoni risultati dei conti pubblici escludono previsioni pessimistiche, evidenzia il Segretariato di politica economica

I risultati dei conti pubblici 2021 dimostrano che la politica di risanamento di bilancio e gli sforzi per combattere contro la pandemia sono stati bilanciati, secondo la Nota informativa “Rendimento fiscale 2021 e confronto internazionale”, pubblicata questo martedì (1/2) dalla Segreteria di politica economica (SPE) del Ministero dell’Economia. 

“Il Brasile è stato uno dei Paesi che ha registrato il maggior miglioramento fiscale dal 2018 al 2021”, sottolinea il sottosegretario alle Politiche macroeconomiche della SPE, Fausto Vieira.  

La nota cita che “il Brasile è il secondo Paese, tra i 50 Paesi con il prodotto interno lordo (PIL) più alto, con il miglior risultato primario nel 2021 e con la seconda variazione incrementale rispetto al valore del 2018”. Questa conclusione tiene conto dei dati diffusi dalla Banca Centrale.   

Se si considera il risultato nominale in questo stesso periodo di confronto, il Brasile è passato dalla penultima posizione (49a), nel 2020, alla 26a, nel 2021 – secondo i dati del Fondo monetario internazionale (FMI). La SPE ricorda che molte economie non sono tornate ai livelli pre-crisi alla stessa velocità del Brasile, in termini di risultato primario.  

Un altro indicatore positivo punteggiato dal documento si riferisce al debito lordo delle amministrazioni pubbliche (DBGG), che ha chiuso il 2021 all’80% del PIL, ben al di sotto delle proiezioni di mercato dell’inizio dello scorso anno.  

Alla luce di questo scenario, la SPE sottolinea che, “concretamente e oggettivamente, il Brasile ha un quadro fiscale estremamente positivo alla luce delle aspettative che si sono formate all’inizio del 2020 e delle sfide poste dalla crisi sanitaria globale e dalle sue conseguenze socioeconomiche” .  

Scenario  

Il principale fattore di miglioramento del risultato delle amministrazioni pubbliche è stato l’adeguamento delle spese, con un effetto significativamente maggiore dell’aumento dei ricavi, spiega la SPE. Sul tema della spesa, la posizione del Brasile tra le 20 maggiori economie mondiali è gradualmente migliorata, con un guadagno di una posizione all’anno dal 2019. “Abbiamo effettuato un aggiustamento fiscale molto ampio nel 2021 e questo aggiustamento è stato effettuato sul lato della spesa” , spiega il sottosegretario Fausto Vieira.  

L’analisi tiene conto del risultato principale del governo centrale – Tesoro nazionale, sicurezza sociale e Banca centrale – per il 2021, con un disavanzo di R$ 35,073 miliardi (0,4% del PIL), come annunciato venerdì scorso (28/28). 1) dal Tesoro Nazionale. Ciò significa una ritrattazione del 95,5% in termini reali (valori corretti dal Broad National Consumer Price Index/IPCA) in relazione al risultato negativo di R$ 743,255 miliardi registrato l’anno precedente. Il valore è stato anche inferiore al limite di BRL 296,5 miliardi, considerando che l’obiettivo di risultato primario per il 2021 era un disavanzo fino a BRL 331,6 miliardi.  

In percentuale del PIL, il risultato primario del 2021 è stato migliore rispetto agli anni pre-pandemici, oltre a rappresentare uno dei maggiori guadagni di bilancio rispetto al 2020 tra le maggiori economie del mondo, evidenzia la SPE.  

Il risultato consolidato dell’intero settore pubblico ha raggiunto un surplus di 64,727 miliardi di R$ nel 2021, come annunciato lunedì (31/1) dalla Banca Centrale. È il miglior dato annuale per il risultato primario consolidato dal 2013, quando è stato registrato un surplus di R$ 91,306 miliardi.  

Prospettive  

La SPE afferma che la realtà fiscale brasiliana, seppur impegnativa per le rigidità di bilancio, non supporta il pessimismo di alcuni analisti.

“Nonostante le misure di emergenza che erano ancora necessarie nel 2021, c’è stata responsabilità fiscale e miglioramento di diversi indicatori fiscali”, cita la nota.  

Il Segretariato avverte che invece del pessimismo si osserva un processo di consolidamento fiscale e progressi nelle riforme strutturali e microeconomiche, consolidando la traiettoria di espansione dell’occupazione, miglioramento del contesto imprenditoriale e solvibilità a lungo termine dei conti pubblici.  

Nonostante il quadro di miglioramento degli indicatori fiscali, la SPE avverte che non c’è spazio per ridurre la cura dei conti pubblici. “Persistono le sfide interne nel senso di perseguire riforme che garantiscano la sostenibilità dei conti pubblici e livelli più bassi di indebitamento”, sottolinea il documento della Segreteria di Politica Economica. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tre × due =