Il governo deve aggiornare la sua politica per il continente africano, ha detto Lula

L’Africa è una delle regioni che sta crescendo di più nel mondo, ha affermato il presidente.

Il presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha affermato giovedì (25) che il dinamismo attuale dell’Africa richiede che il Brasile aggiorni la sua politica per il continente.

L’Africa è una delle regioni che cresce di più nel mondo. La sua importanza nel commercio globale è significativa”,

ha detto, ribadendo il sostegno del Brasile all’ingresso dell’Unione Africana nel G20.

Secondo il presidente, la Zona di Libero Scambio Continentale Africana, entrata in vigore nel 2021, è la più grande al mondo, con 1,3 miliardi di persone e un Prodotto Interno Lordo (PIL – somma dei beni e dei servizi prodotti) di 3,4 trilioni di dollari. Nel 2022, il commercio bilaterale tra il Brasile e l’Africa è stato di un terzo inferiore rispetto al valore del 2013, quando il flusso ha raggiunto quasi 30 miliardi di dollari.

Lula ha partecipato a un pranzo per celebrare la Giornata dell’Africa e la chiusura del seminario Brasile-Africa: Ripensare le Partnership, al Palazzo dell’Itamaraty a Brasilia. Tra gli ospiti c’erano ministri di Stato, parlamentari, ambasciatori e rappresentanti di paesi africani.

Nel corso di quattro giorni, i partecipanti al seminario hanno discusso questioni legate alla cooperazione per lo sviluppo, agli scambi educativi, all’equità di genere, all’imprenditoria, all’inclusione sociale, all’economia creativa, alla diversità e alle sfide internazionali contemporanee. L’evento è stato promosso dal Ministero degli Affari Esteri e dalla Fondazione Alexandre de Gusmão, collegata all’Itamaraty.

“La nostra relazione con l’Africa è una politica di Stato che coinvolge l’intera società brasiliana. Sarà condotta come priorità dai diversi dipartimenti del governo, con il coinvolgimento attivo dell’accademia, dei mezzi di comunicazione e della società civile”, ha detto Lula, aggiungendo che il Brasile deve ampliare la presenza in Africa in modo duraturo, aprendo ambasciate, centri culturali e uffici di istituzioni brasiliane come Embrapa, Apex, Senai e Fiocruz.

Significa anche sostenere l’internazionalizzazione delle imprese brasiliane, al fine di rispondere alla richiesta africana di investimenti e generare conoscenza, lavoro e reddito”, ha sottolineato.

Il presidente ha citato anche le agende comuni e le opportunità di partnership nei settori ambientale, transizione energetica, comunicazioni, accesso alla salute e lotta alla fame.

Lotta al razzismo Secondo Lula, la promozione dell’uguaglianza razziale è anche un elemento continuo che collega le politiche nazionali all’azione internazionale dei paesi. Ancora una volta, ha condannato gli attacchi razzisti rivolti all’attaccante brasiliano Vinicius Júnior del Real Madrid, avvenuti domenica scorsa (21) nel match contro il Valencia nel Campionato spagnolo.

“Non tollereremo il razzismo né contro i brasiliani né contro gli africani in Brasile”, ha detto. “Riprenderemo il protagonismo nelle iniziative internazionali a favore delle popolazioni di discendenza africana”, ha aggiunto il presidente.

Lula ha affermato di voler proporre la proroga del Decennio internazionale dei Popoli di discendenza africana indetto dalle Nazioni Unite (ONU). Il 2024 segna la fine di questa campagna. “La sua attuazione in Brasile è stata compromessa dall’indifferenza delle autorità. Proporremo la proroga dell’iniziativa all’Assemblea Generale successiva [a settembre]”, ha detto.

Posto nel G20 Come parte del rilancio delle relazioni internazionali, domenica scorsa (21), durante la visita in Giappone, il presidente Lula ha avuto un incontro con il presidente delle Comore, Azali Assoumani, attuale presidente dell’Unione Africana. In quell’occasione, ha annunciato il sostegno del Brasile alla richiesta del gruppo di 54 paesi africani di ottenere un posto nel G20, come fa l’Unione Europea, che è membro del Gruppo.

Abbiamo già la partecipazione del Sudafrica, ma la rappresentanza del gruppo può essere ampliata con l’ingresso dell’Unione Africana e di altri paesi del continente”, ha detto Lula.

Nel novembre di quest’anno, il Brasile assumerà la presidenza temporanea del G20, attualmente detenuta dall’India. Il Gruppo delle Ventidue (G20) è composto da 19 paesi (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Corea del Sud, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sudafrica, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti) e dall’Unione Europea. I membri rappresentano circa l’85% del Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale, oltre il 75% del commercio mondiale e circa i due terzi della popolazione mondiale.

Nel difendere l’espansione della partecipazione dei paesi emergenti alla governance globale, Lula ha affermato che qualcosa di simile accade anche con le istituzioni finanziarie internazionali, che non hanno risposto alle esigenze dei paesi in via di sviluppo.

Molti si sentono ancora sotto pressione per le condizionalità e soffocati dai debiti insostenibili. Vogliamo che la Banca del Brics [gruppo formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica] si consolidi come alternativa di finanziamento e rafforzeremo il nostro impegno con la Banca Africana di Sviluppo”, ha concluso il presidente.

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque + diciannove =