l Mercosul e l’Unione Europea devono firmare un accordo entro la fine dell’anno.

Nuovi elementi ambientali potrebbero sbilanciare le negoziazioni, ha detto il ministro degli Esteri.

Il ministro delle Relazioni Esteri, Mauro Vieira, ha affermato mercoledì (24) che il Brasile dovrebbe firmare entro la fine dell’anno l’accordo commerciale tra il Mercosul e l’Unione Europea. Secondo il ministro degli Esteri, il governo brasiliano sta esaminando un documento inviato dagli europei con nuovi elementi ambientali che potrebbero sbilanciare le negoziazioni.

Desideriamo uno strumento equilibrato, con vantaggi concreti per entrambe le parti, sia in termini di commercio che di investimenti. Allo stesso tempo, non accettiamo che l’ambiente – una preoccupazione legittima e condivisa – venga utilizzato come pretesto per richieste fuori luogo, per l’adozione di misure protezionistiche o, in ultima analisi, per rappresaglie ingiustificate”,

ha dichiarato durante un’audizione pubblica presso la Commissione per le Relazioni Esterne della Camera dei Deputati.

Il ministro degli Esteri Mauro Vieira ha ricordato che il paese si è già reintegrato nella Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (Celac) e ha difeso l’Unasul, affermando che molte crisi sono state risolte all’interno del gruppo. Ha ricordato l’impegno di Lula – durante la campagna elettorale – di rivalutare l’integrazione regionale.

Siamo consapevoli che ci sono diverse aspettative e visioni nella regione riguardo all’integrazione, ma siamo anche convinti che ci sono elementi comuni, a cominciare dal riconoscimento della necessità di lavorare insieme ai nostri vicini immediati per affrontare le molteplici sfide che condividiamo”, ha detto Vieira.

Conflitto tra Russia e Ucraina Viera ha inoltre sottolineato che il paese adotta una “posizione costruttiva” nel conflitto tra Russia e Ucraina, condannando al contempo l’invasione del territorio ucraino e criticando quello che ha definito il “cancellamento” della Russia da parte della comunità internazionale, il che rende difficile il dialogo per porre fine alla guerra.

Durante il summit del G7, tenutosi lo scorso fine settimana ad Hiroshima, in Giappone, era previsto che il presidente Luiz Inácio Lula da Silva si incontrasse con il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky. L’incontro non ha avuto luogo. L’organizzazione di un incontro tra Brasile e Ucraina era stata inizialmente richiesta dal paese europeo.

Bilancio Il ministro degli Esteri ha dichiarato di aver già incontrato 90 interlocutori stranieri e che il presidente Lula ha avuto colloqui con rappresentanti di 30 paesi. Il ministro degli Esteri ha citato anche le negoziazioni con i paesi sudamericani sulla sicurezza delle frontiere e con gli Stati Uniti sulle questioni legate ai cambiamenti climatici.

*Con informazioni da Agência Câmara

Edizione: Juliana Andrade

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − 3 =