Brasile; L’area Aeromot di Guaíba (RS) potrebbe ospitare una grande fabbrica della Leonardo S.p.a

Il governatore del Rio Grande do Sul, Ranolfo Vieira Júnior, ha ricevuto giovedì pomeriggio scorso (8), al Palazzo Piratini, i rappresentanti dell’azienda di tecnologia aeronautica del Rio Grande do Sul Aeromot e l’italiana Leonardo Corporate, che ha un fatturato annuo di R$ 15 miliardi ed è considerata una delle più grandi al mondo nel settore.

Secondo il governo statale, il gruppo ha presentato il progetto congiunto di cooperazione commerciale e industriale in fase di definizione tra le due società, nonché il portafoglio prodotti del conglomerato italiano per il settore dell’aviazione. La conclusione della partnership tra le aziende per iniziare a lavorare in RS dovrebbe avvenire nel primo trimestre del 2023.

A giugno abbiamo firmato la partnership con Aeromot, per la terra di Guaíba. C’è un simbolismo molto forte per i Gauchos in questa agenda, perché qualche anno fa sarebbe stata installata una fabbrica di automobili nel luogo e alla fine non è successo. Ora stiamo portando un assemblatore nella stessa posizione, solo per gli aerei. Poiché provengo dall’area della pubblica sicurezza, conosco l’importanza di queste aziende per il settore. Il nostro governo sostiene questo impegno e si augura che la partnership si concretizzi”, ha affermato Ranolfo.

Leonardo, che opera nel settore Aerospazio, Difesa e Sicurezza, è un conglomerato composto da diverse business unit, il cui portafoglio comprende velivoli ad ala fissa e rotante, sistemi di sicurezza, smart city, satelliti, radar, centri di comando e controllo, sistemi di comunicazione, elettro -ottica, simulazione e addestramento, tra gli altri.

Il CCO di Leonardo Corporate, Francesco Moliterni, che ha partecipato all’incontro in videoconferenza, ha ribadito che l’interesse è quello di espandere le operazioni in America Latina, generare posti di lavoro e reddito e contribuire allo sviluppo della tecnologia nel settore. “La nostra partnership con Aeromot mira ad aumentare la nostra partecipazione al mercato latinoamericano, producendo ed esportando prodotti realizzati in Brasile in diversi paesi”, ha affermato.

Aeromot è attualmente uno dei principali fornitori di velivoli multi-missione per i mercati della Difesa e Pubblica Sicurezza e leader brasiliano nella fornitura di sistemi di monitoraggio aereo.

“La conclusione di questa partnership con Leonardo dovrebbe avvenire nel primo trimestre del 2023. Il nostro obiettivo è attrarre nuove aziende e prodotti, oltre a creare un ecosistema nel Rio Grande do Sul focalizzato sullo sviluppo della tecnologia aeronautica e della difesa, con il potenziale per diventare un punto di riferimento in questo segmento”,

ha affermato il presidente di Aeromot, Guilherme Cunha. All’ordine del giorno ha partecipato anche il vice governatore eletto e responsabile della transizione, Gabriel Souza.

“Stiamo parlando di un settore molto importante. Il nostro impegno, come governo eletto, è incoraggiare imprese di queste dimensioni e creare più centri di attrazione degli investimenti”, ha dichiarato.

SINERGIA

Secondo Cunha, il piano intende sfruttare le sinergie tra le aziende, con un focus sulla competitività, e prevede la promozione di portafogli comuni, in ambito commerciale e industriale, con grande potenziale di export, Offset e Trasferimento Tecnologico. Attraverso questa partnership strategica, il gruppo prevede un’importante espansione del business nel mercato latinoamericano, con guadagni significativi per l’industria nazionale.

Le attività derivanti da questa partnership saranno installate presso il CTAero di Aeromot a Guaíba, nella regione metropolitana di Porto Alegre, che sarà un complesso industriale aeronautico, con una pista di atterraggio, destinato allo sviluppo di soluzioni per la mobilità aerea, produzione di velivoli, parti e componenti, manutenzione del centro, formazione, ricerca e sviluppo (R&S).

CTAero riceverà anche la produzione nazionale del velivolo Diamond Aircraft DA62, il bimotore a pistoni più venduto al mondo negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 + diciannove =