Il Ministro Marina Silva annuncia la creazione dell’Autorità nazionale per la sicurezza climatica

Alla cerimonia in cui ha assunto il ministero dell'Ambiente e dei cambiamenti climatici, il ministro ha elencato la ripresa e la creazione di segreterie e istanze affinché il Paese possa onorare gli impegni assunti nell'Accordo di Parigi

Pubblicato il 01/05/2023 10:52

Il Ministro dell’Ambiente e dei Cambiamenti Climatici, Marina Silva, ha annunciato questo mercoledì (01/04), la creazione dell’Autorità Nazionale per la Sicurezza Climatica nell’ambito della Pasta, entro la fine dell’anno. La dichiarazione è stata resa durante la cerimonia di trasferimento dell’ufficio, presso il Palazzo Planalto, a Brasilia (DF).

“Entro marzo di quest’anno sarà formalizzata la creazione dell’Autorità Nazionale per la Sicurezza Climatica, di competenza del Ministero dell’Ambiente, oltre alla creazione di un Consiglio Nazionale sui Cambiamenti Climatici, che sarà comandato dal Presidente della Repubblica stessa e con la partecipazione di tutti i ministeri, società, stati e comuni”, ha annunciato il ministro.

Marina ha spiegato che l’Autorità nazionale per la sicurezza climatica avrà lo scopo di produrre sussidi per l’esecuzione e l’attuazione della Politica nazionale sui cambiamenti climatici, oltre a regolare e monitorare l’attuazione di azioni relative a politiche e obiettivi settoriali per la mitigazione, l’adattamento e promuovere la resilienza ai cambiamenti climatici. La decisione del governo è che il progetto di questa autarchia sia presentato al Congresso nazionale entro il prossimo aprile.

Alla cerimonia, ha invitato il Paese a lavorare insieme sulle questioni ambientali nei prossimi quattro anni. “La presenza di tutti voi è la prova che questo compito non è mio. Questo compito appartiene a un popolo, appartiene a una società, appartiene a una visione politica che ora è all’altezza della sfida che il mondo ci chiede e della condizione che ha il Brasile per rispondere a questa sfida”, ha detto, dopo evidenziare l’emozione che ha provato quando è stata accompagnata dalla sua famiglia alla cerimonia e quando ha avuto la certezza del ritorno del Fondo Amazzonia, che è stato riattivato in virtù di un decreto firmato dal Presidente Lula.

Il ministro ha fatto un bilancio critico della gestione degli ultimi quattro anni in ambito ambientale. “La politica sul cambiamento climatico è stata completamente svuotata, al punto che il Brasile, che prima era un attore esponente in ambito globale, ora è visto come un paria ambientale”, ha evidenziato.

Per invertire questa situazione, ha annunciato una serie di misure, tra cui la ripresa e la creazione di segreterie e istanze affinché il Paese possa onorare gli impegni assunti nell’Accordo di Parigi e affrontare altre questioni ambientali. “L’emergenza climatica si impone. Vogliamo sottolineare la dovuta priorità di quella che è, forse, la più grande sfida globale attualmente vissuta dall’umanità”, ha evidenziato.

Marina Silva ha annunciato la ricostituzione del Segretariato Nazionale per i Cambiamenti Climatici, che era stato estinto e che comprende un dipartimento delle politiche per la gestione degli oceani e delle coste.

Marina Silva ha rivelato il ritorno all’MMA dell’Agenzia nazionale per l’acqua e l’igiene di base (ANA) e del Servizio forestale brasiliano (SFB). Nel portafoglio torna anche la responsabilità della gestione condivisa delle risorse ittiche, la promozione della gestione ambientale nelle zone rurali, nonché le politiche per rafforzare il ruolo dei popoli e delle comunità tradizionali nell’amministrazione dei loro territori. Altro momento saliente è stato il ritorno alla gestione della Politica Nazionale Risorse Idriche e l’inaugurazione del Dipartimento per la Tutela e Difesa dei Diritti degli Animali.

“Pertanto, sono legati all’MMA l’IBAMA, l’ICMBio (Chico Mendes Institute for Biodiversity Conservation), l’Orto Botanico di Rio de Janeiro, l’ANA (National Water and Basic Sanitation Agency), il Forestry Service e, successivamente, il National Autorità per i cambiamenti climatici”, ha citato Marina Silva. Ha anche annunciato che all’interno della cartella c’è ora la Segreteria Straordinaria per il Controllo del Disboscamento e l’Organizzazione del Territorio e del Territorio.

A dimostrazione del cambiamento di attenzione dato all’ambiente in questo governo, Marina Silva ha ricordato l’importanza del DPR che ricompone la partecipazione sociale del Consiglio deliberativo del Fondo Nazionale Ambiente (FNMA), al fine di renderla più partecipata e trasparente . Ha anche ricordato il Dispaccio presidenziale che, in vista dello svuotamento del Consiglio Nazionale per l’Ambiente – Conama, determina la revisione della struttura e del funzionamento del Conama, al fine di eliminare le battute d’arresto imposte dal precedente governo nel quarantennio cinque giorni.

Alla fine, Marina ha anche sottolineato che questo governo promuoverà ancora una volta la valorizzazione dei dipendenti legati all’ambiente. “Basta con la persecuzione. Niente più vessazioni istituzionali e individuali. Meriti rispetto”, ha concluso il ministro.

All’evento, il primo ministro della Casa Civile, Rui Costa, ha dato il tono all’importanza che l’ordine del giorno avrà in questa amministrazione. “La Casa Civile della Presidenza della Repubblica si esprimerà ogni giorno, facendo in modo che l’ambiente sia visto in modo trasversale in tutti i ministeri della Repubblica”, ha evidenziato il ministro. Ha anche affermato che l’attenzione alla sostenibilità e all’ecosistema sarà presa in considerazione in tutti i progetti del governo Lula.

 

Curriculum di Marina Silva

Nata a Rio Branco (AC), Marina Silva, 64 anni, vanta una lunga carriera in politica, essendo stata consigliere comunale di Rio Branco, deputata statale e senatrice per Acri e, alle ultime elezioni, è stata eletta deputata federale per San Paolo.

Ha ricoperto per la seconda volta la carica di Ministro dell’Ambiente, carica che ha ricoperto tra il 2003 e il 2008. Storica, è stata una delle fondatrici della Central Única dos Trabalhadores (CUT) ad Acri, insieme al raccoglitore di gomma Chico Mendes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tredici − 2 =