Brasile; gli economisti anticipano le previsioni per l’inizio degli aumenti dei tassi di interesse

I professionisti dei mercati finanziari hanno iniziato ad anticipare i loro previsti aumenti dei tassi di interesse dopo la pubblicazione di martedì (26) dei verbali dell’ultima riunione di politica monetaria della Banca centrale, considerata dagli analisti ancora più dura con l’inflazione rispetto alla dichiarazione della scorsa settimana.

Secondo il documento, alcuni consiglieri hanno difeso che il Copom – collegiata della BC che decide la direzione della politica monetaria – dovrebbe considerare l’inizio di un processo di normalizzazione parziale del tasso di interesse di base, riducendo il grado “straordinario” dello stimolo .

Per quanto riguarda l’opzione di Copom di abbandonare la “forward guidance” – meccanismo attraverso il quale la Banca Centrale si è impegnata a non aumentare i tassi di interesse fintanto che alcune condizioni fossero soddisfatte -, il verbale ha ribadito che la decisione è stata presa perché le proiezioni di inflazione erano già sufficientemente vicine il target di orizzonte considerato rilevante per la politica monetaria (fino al 2022).

Itaú Unibanco – che già 11 giorni fa aveva anticipato le previsioni per l’inizio della normalizzazione del Selic da agosto a maggio – ha iniziato a vedere i tassi di interesse in rialzo nella prossima riunione del Copom, il 16 e 17 marzo.

“Il verbale del Copom, diffuso questa mattina, elimina possibili dubbi sul senso di urgenza delle autorità. Dimostra che le autorità hanno considerato un aumento di interesse alla riunione e si impegnano praticamente per un aumento a marzo (paragrafi 15-16)”, ha detto la banca in una nota.

Itaú ha valutato che la segnalazione della BC derivi dal comportamento dell’inflazione a partire dal maggio 2020, quando la Banca Centrale ha deciso che l’ambiente prescriveva “stimoli monetari straordinariamente elevati”, e il “continuo” peggioramento del saldo del rischio, principalmente legato al scenario “sfidante”.

“Di conseguenza, ora ci aspettiamo un aumento di 0,25 punti percentuali a marzo, seguito da due movimenti di 0,50 punti percentuali e un aumento finale di 0,25 punti percentuali, che porterebbero il tasso Selic al 3,5% (una normalizzazione parziale) alla fine del anno “, ha detto Itaú. “Il tasso di aumento dipenderà dall’evoluzione dell’attività economica, dall’inflazione e dalla politica fiscale”.

Anche Bank of America ha iniziato a vedere un aumento di Selic a marzo, dopo che la scorsa settimana ha ribadito una richiesta di maggiore interesse solo alla fine del primo semestre. La banca prevede un aumento di 0,50 punti percentuali del tasso di interesse di base a marzo, al 2,50%, e fino al 4% a fine anno, contro una precedente stima del 3,25%.

“I tassi di interesse reali sono in territorio negativo e l’inflazione rimane sotto pressione, indicando i massimi (nei tassi di interesse) prima”, ha detto BofA, che ha anche alzato le previsioni per il Selic alla fine del 2022, dal 4% al 5,25%.

“Nei verbali, la BCB si è data tutti i gradi di libertà possibili in relazione alle prossime decisioni sui tassi, inclusa la possibilità di un aumento a marzo. Copom si concentrerà sui prossimi dati per decidere i prossimi passi della politica monetaria”, ha detto. disse la banca.

Quantitas è un’altra casa finanziaria che ha rivisto per marzo l’inizio dei rialzi dei tassi di interesse – prima, aveva previsto che il ciclo sarebbe iniziato solo nel terzo trimestre. Sebbene abbia anticipato l’inizio degli aumenti, la manager continua a vedere quattro aumenti di 0,50 punti percentuali, con un budget totale di 2 punti percentuali nella stretta monetaria nel 2021.

“Dei 3 vettori (fiscale, attività e inflazione), riteniamo che entro marzo tutti saranno peggiori o al massimo uguali”, ha detto Ivo Chermont, partner e capo economista di Quantitas, vedendo in anticipo “aiuti di emergenza 2.0”.

“Se necessario, all’inizio del 2022, (il Copom) salirà di nuovo (tassi di interesse). Se siamo onorati del miracolo di una Brasilia riformista, forse possiamo vedere l’interesse alla fine del ciclo al 4%”, Ha aggiunto.

Goldman Sachs prevede ancora che i rialzi dei tassi di interesse cominceranno a maggio / giugno, con un budget di 1,50 punti percentuali in aumento nel 2021. “(Ma), a causa del linguaggio ‘falco’ nei verbali, non abbiamo escluso un aumento già a l’incontro del 17 marzo “, ha detto in una nota Alberto Ramos, direttore della ricerca economica di Goldman Sachs per l’America Latina.

Ramos ha ricordato i rischi per le prospettive di inflazione 2022 – sempre più importanti negli scenari BC – derivanti dalla pressione sul tasso di cambio, influenzato dal basso rendimento offerto dall’interesse reale ai minimi storici.

“In altre parole, forse più dell’inflazione, sono le considerazioni sulla gestione del rischio finanziario che giustificherebbero il ritiro di parte dell’attuale livello eccezionale di accomodamento monetario prima e / o più velocemente rispetto allo scenario di inflazione e crescita (come catturato dalla tradizionale regola di Taylor) richiederebbe “, ha commentato.

UBS BB ha riconosciuto le maggiori possibilità di un aumento del tasso Selic a marzo, ma ha deciso di mantenere una proiezione di quattro aumenti di 0,50 punti percentuali da maggio.

“Il BC ha anche osservato che non esiste un collegamento meccanico tra un aumento dei tassi e la rimozione della ‘forward guidance’, ci aspettiamo che il PIL si riduca dello 0,7% nel primo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, a causa della fine del trasferimento di denaro principale programmi. entrate e speriamo che il governo impedisca un rinnovo dei trasferimenti di entrate dopo le elezioni dei leader del Congresso e il dibattito sul bilancio del 2021 a febbraio “, ha affermato in una nota l’economista Fábio Ramos.

https://www.cnnbrasil.com.br/business/2021/01/26/apos-ata-do-copom-economistas-antecipam-previsao-para-inicio-de-alta-de-juros

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

17 − due =