Brasile; La ripresa dell’economia porta a una forte riduzione della disoccupazione

La ripresa dell’economia nel 2021 ha portato a una significativa riduzione della disoccupazione, che ha raggiunto l’11,6% a novembre 2021, con una diminuzione del 2,8% rispetto a novembre 2020. L’attuale livello del tasso di disoccupazione è già a livello di pre-assunzione crisi. C’è stato un aumento della forza lavoro e del personale impiegato, sia formale che informale, che ha portato un miglioramento dei tassi di partecipazione e occupazione, avvicinandoli anche a livelli simili al periodo precedente l’emergenza sanitaria Covid-19. Questi i punti salienti della nota informativa Miglioramenti nel mercato del lavoro nel 2021 con una forte riduzione della disoccupazione, prodotta dal Governo Federale, attraverso la Segreteria della Politica Economica (SPE) del Ministero dell’Economia, e pubblicata questo lunedì (31/ 01). ).

La nota SPE evidenzia che il miglioramento del mercato del lavoro è avvenuto nonostante il forte aumento dell’organico. “Le persone che non stavano cercando un lavoro o che vorrebbero lavorare di più hanno cercato di reinserirsi nel mercato del lavoro in questo periodo e hanno trovato lavoro. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, oltre 6 milioni di brasiliani sono entrati nel mondo del lavoro”, afferma il documento.

Lo studio sottolinea che si è verificata anche una significativa riduzione del tasso di disoccupazione, dovuto alla creazione di 8,4 milioni di posti di lavoro in 12 mesi, che ha assorbito il numero crescente di lavoratori fuori dal mondo del lavoro. Il tasso di sottoutilizzo è fortemente diminuito, raggiungendo il 25% a novembre 2021, un livello vicino al periodo precedente la nuova crisi del coronavirus. E il tasso di persone scoraggiate sta tornando al valore osservato prima della crisi sanitaria.

La nota rileva inoltre che l’agenda di riforma pro-mercato e il processo di risanamento fiscale hanno consentito il mantenimento di una crescita economica sostenibile, che consentirà di aumentare l’attività in questo e nei prossimi anni. “Di conseguenza, c’è una prospettiva positiva per gli investimenti e la continuità della generazione di occupazione nei prossimi anni, che consentirà una conseguente riduzione della disoccupazione”, informa lo studio.

Aumento della popolazione occupata

La nota SPE rileva che il ritorno del livello di disoccupazione a un livello inferiore rispetto a quello verificatosi tra settembre 2016 e giugno 2019 è avvenuto con un forte aumento della popolazione occupata, pur con l’aumento della forza lavoro. “Così, la rilevante riduzione della popolazione al di fuori della forza lavoro, degli scoraggiati e dei sottoccupati, è avvenuta grazie all’inserimento di quasi 700mila posti di lavoro al mese dalla fine dello scorso anno, considerando la destagionalizzazione. L’occupazione è cresciuta sia nei lavori formali che informali, nonché nella sottoutilizzazione della forza lavoro”.

Il significativo calo della disoccupazione è il risultato della creazione netta di posti di lavoro in modo significativo, in misura maggiore dell’aumento della forza lavoro avvenuto parallelamente, afferma il documento. C’è stata un’espansione nel tasso di attività (PEA/PIA) e nel livello di occupazione (PO/PIA). Secondo la nota, il momento più critico degli effetti della crisi sanitaria sul mercato del lavoro è stato registrato nell’aprile 2020, quando il tasso di attività ha raggiunto il 56,7% e il tasso di occupazione ha raggiunto il 48,5%. Ad ottobre 2021 il tasso di occupazione aveva praticamente recuperato il livello pre-crisi, attestandosi al 54,6%, in crescita del 6% rispetto al momento peggiore del 2020. Il tasso di attività, a sua volta, ha raggiunto il 54,6% ad ottobre, con espansione del 5,4% rispetto al livello più basso della crisi. Con l’espansione dell’occupazione a un ritmo più rapido rispetto all’espansione della forza lavoro totale, la disoccupazione è stata ridotta.

L’aumento del tasso di occupazione si spiega con l’espansione della popolazione occupata totale, che è cresciuta del 3,5% rispetto al precedente trimestre mobile e di oltre il 9,7% in 12 mesi, secondo PNAD Continua. Di conseguenza, c’è stato un aumento di oltre 8,4 milioni di persone occupate in questo periodo di un anno, sia nel settore formale che in quello informale. Utilizzando i dati destagionalizzati, quest’anno sono stati creati quasi 700.000 posti di lavoro al mese. Con l’occupazione che cresce a un ritmo più rapido rispetto alla forza lavoro totale (6,2%), si aggiungono nuovi posti di lavoro netti.

Settori

L’occupazione cresce in tutti i settori, confrontando novembre 2021 con lo stesso mese dell’anno precedente. Il clou è l’aumento delle offerte di lavoro in alloggio e vitto (24%), servizi domestici (22%), edilizia (20%), altri servizi (13,9%) e commercio, riparazione di autoveicoli e motocicli (10,4%), che è cresciuto al di sopra della media generale (9,6%). La nota SPE precisa che, considerando la partecipazione al totale di 8,4 milioni di posti vacanti creati in questi mesi, i maggiori highlights sono il commercio, la riparazione di autoveicoli e motocicli (20,4% del totale), l’edilizia (14,9%), i servizi domestici ( 12,2%), alloggio e vitto (11,9%) e industria in genere (11,2%) che insieme rappresentano il 70% dell’occupazione totale generata nel periodo.

Il documento sottolinea inoltre che il miglioramento del mercato del lavoro si può osservare anche nell’aumento dell’occupazione come spiegato dai dati del Registro generale degli occupati e dei disoccupati (Caged) riferiti all’occupazione formale, con un’espansione nella creazione netta di posti di lavoro . A novembre 2021 sono state create circa 324mila nuove offerte di lavoro nette, per un totale di quasi 2,8 milioni di offerte di lavoro in 12 mesi.



https://www.gov.br/pt-br/noticias/financas-impostos-e-gestao-publica/2022/01/recuperacao-da-economia-leva-a-forte-reducao-do-desemprego-aponta-estudo-da-spe

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × 5 =