GLI INVESTIMENTI ESTERI IN BRASILE SONO PIU CHE RADDOPPIATI A GENNAIO E FEBBRAIO 2021

È stato il miglior primo periodo di due mesi in investimenti diretti dal 2018. Il governo prevede un afflusso di 60 miliardi di dollari nel paese nel 2021.

Nei primi due mesi dell’anno gli investimenti esteri in Brasile sono più che raddoppiati. Il risultato ha sorpreso anche gli analisti di mercato: 10,8 miliardi di dollari sono entrati in Brasile nei primi due mesi del 2021. Denaro proveniente dalle aziende per finanziare investimenti diretti nel Paese – più del doppio di quello registrato nello stesso periodo nel 2020. È stato il primo migliore periodo di due mesi in investimenti diretti dal 2018. Denaro che ha il potenziale per generare posti di lavoro, perché associato a progetti di medio e lungo termine.

Nel 2019, gli investimenti diretti esteri in Brasile sono stati di 69 miliardi di dollari e sono crollati nel 2020, influenzati dalla pandemia, per un totale di 34 miliardi di dollari. Per il 2021, le previsioni del governo prevedono un afflusso di 60 miliardi di dollari.

Secondo la Banca Centrale, non è ancora possibile affermare che questo aumento degli investimenti all’inizio del 2021 sia una tendenza.

È un buon risultato, per il momento, puntuale per il mese di febbraio. Abbiamo già alcune indicazioni di un risultato migliore anche a marzo, ma dobbiamo ancora aspettare per vedere se nei prossimi mesi ci sarà una nuova prospettiva di maggiori risultati per gli investimenti diretti ”, afferma il capo del dipartimento di statistica della BC, Fernando Rocha.

Lo scenario di bassa attività dell’economia mondiale a causa della pandemia ha portato anche un miglioramento del risultato delle transazioni tra Brasile e altri paesi. La perdita nei cosiddetti conti con l’estero – che è quanto il Brasile spende e riceve negli scambi con il resto del mondo – è diminuita del 37% ed è stata negativa di 9 miliardi di dollari. La previsione è che durante l’anno ci sarà una svolta e il Brasile registrerà un saldo positivo di 2 miliardi di dollari, il primo dal 2007.

Questo conto include esportazioni e importazioni, rimesse dei profitti aziendali, viaggi internazionali. La spesa dei brasiliani all’estero, ad esempio, ha chiuso i primi due mesi con un calo di oltre il 76%.

“L’agroalimentare sta vivendo un momento molto raro, che è questa combinazione di prezzi internazionali favorevoli delle materie prime, un dollaro alto e una produzione record “

– Economista Roberto Padovani

L’economista Roberto Padovani spiega che le transazioni del Brasile con il resto del mondo stanno diventando più equilibrate: “Parte della storia è perché le esportazioni brasiliane stanno andando molto bene, l’agribusiness sta vivendo un momento molto raro, che è questa combinazione di prezzi internazionali favorevoli delle materie prime , alto dollaro e produzione record. Quindi, questa è una buona notizia. Agroalimentare, le esportazioni di materie prime continuano a fare molto bene ”.

E che è già possibile notare un miglioramento dell’ambiente globale: “Avete un’importante ripresa internazionale, crescita negli USA, in Cina, prezzi delle materie prime al rialzo, molto denaro in circolazione. Tutto questo favorisce la ricerca di investimenti. Il Brasile ha ancora molte incertezze, stiamo attraversando un momento difficile, ma tutto fa pensare che una volta superata la questione della pandemia, il Brasile possa tornare a ricevere queste risorse ”, dice Padovani.

Tags: , , , , , , ,

Una risposta.

  1. […] Nel 2019, gli investimenti diretti esteri in Brasile sono stati di 69 miliardi di dollari e sono crollati nel 2020, influenzati dalla pandemia, per un totale di 34 miliardi di dollari. Per il 2021, le previsioni del governo prevedono un afflusso di 60 miliardi di dollari. Leggi l’articolo completo a cura di Alfredo Pretto sul sito di Associazione Italia Brasile. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

12 − 5 =