Il PIL del Brasile ha ottenuto la terza migliore performance tra le 10 maggiori economie

Meglio solo la Cina, che cresce del 2,3%, l’unica con un risultato positivo, e gli USA, con il -2,3%

Il risultato del PIL brasiliano ha messo a tacere gli economisti dell’apocalisse come il FMI, che ha previsto una contrazione del 9%. Nonostante il covid, il calo del 4,1% è la terza migliore performance tra le 10 maggiori economie del mondo prima della pandemia.

Solo la Cina, che è cresciuta del 2,3% ed è stata l’unica con un risultato positivo, e gli Stati Uniti, con -2,3%, hanno avuto risultati migliori tra distanza sociale, blocchi e inevitabili licenziamenti. Le informazioni provengono dalla Colonna Cláudio Humberto, di Diário do Poder.

Dietro il Brasile ci sono Giappone (-4,8%), Canada (-5,1%), Germania (-5,3%), India (-7,7%), Francia (-8,3%), Italia (-8,8%) e Regno Unito (- 9,9%). Azioni come il budget di guerra e gli aiuti d’urgenza sono stati decisivi per la reazione dell’economia, cresciuta del 3,2% nell’ultimo trimestre del 2020.

Nonostante la performance relativamente buona della pandemia, il Brasile ha sofferto dell’aumento del dollaro, che è cresciuto del 29,33% nel 2020 e dell’8,1% quest’anno. Senza una pandemia, durante il  secondo governo di Dilma Rousseff, il calo del PIL aveva raggiunto il -3,5% nel 2015 e il -3,3% nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sei + quattordici =