Brasile; I prezzi dei prodotti industrializzati aumentano del 3,36% a gennaio

Il tasso è superiore agli indici di dicembre (0,39%) e gennaio 2020 (0,35%)

 

L’indice dei prezzi alla produzione (IPP), che misura la variazione dei prezzi dei prodotti industrializzati in uscita dalle fabbriche, ha registrato a gennaio un’inflazione del 3,36%. Il tasso è superiore agli indici di dicembre (0,39%) e gennaio 2020 (0,35%).

Secondo i dati diffusi oggi (2), a Rio de Janeiro, dall’Istituto brasiliano di geografia e statistica (IBGE), l’IPP ha accumulato un’inflazione del 22,96% in 12 mesi.

A gennaio, 24 attività industriali hanno visto un aumento dei prezzi dei loro prodotti. A dicembre, quel numero era 17. I principali punti salienti tra i segmenti sono le industrie estrattive (10,70%), la metallurgia (6,10%) e la raffinazione del petrolio e prodotti alcolici (5,30%).

Le quattro principali categorie di utilizzo hanno evidenziato anche l’inflazione, con un’enfasi sui beni intermedi, ovvero input industrializzati utilizzati nel settore produttivo (4,91%), e sui beni strumentali, ovvero macchinari e attrezzature utilizzati nel settore produttivo (3.63 %).

I beni di consumo durevoli hanno registrato un aumento dei prezzi del 2,14%, mentre i beni di consumo semi e non durevoli hanno presentato un’inflazione dello 0,73% nel mese.

Edizione: Kleber Sampaio

https://agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2021-03/precos-de-produtos-industrializados-sobem-336-em-janeiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciannove + 12 =