Brasile; dopo l ‘ondata di resi, il numero totale di uffici disponibili a San Paolo sale del 20%

Poiché l’home office è stato adottato dalle aziende sulla scia dei primi casi di covid-19, nel 2020 si è posta una domanda al mondo aziendale: quale sarà il destino degli edifici per uffici che hanno ospitato le aziende?

All’inizio del 2021, con la pandemia che sta per compiere 12 mesi, la risposta a questa domanda sembra già chiara. L’ondata di rendimenti degli uffici è già iniziata e, secondo gli esperti del settore immobiliare, dovrebbe peggiorare quest’anno. Il movimento delle aziende si riflette direttamente nei dati di questo mercato. Secondo la società americana specializzata in immobili aziendali JLL, il tasso di disponibilità di spazi negli edifici aziendali è balzato del 50% dal primo all’ultimo trimestre dello scorso anno: il numero totale di proprietà senza inquilino, che era del 13,6% tra gennaio e marzo, nel periodo pre-pandemia, il 2020 ha chiuso al di sopra del 20%.

E la stessa JLL avverte, nel suo rapporto più recente, che la situazione tende a peggiorare quest’anno, sia a causa della massiccia adozione dell’home office sia per la continua apertura di nuovi edifici a San Paolo, il mercato che funge da termometro per il La situazione dell’intero Paese dovrebbe ampliare l’offerta di spazi aziendali di oltre 200mila mq nel 2021. E ci sono capitali in una situazione peggiore: a Rio de Janeiro, il tasso di sfitto raggiunge il 40%. L ‘”ondata” di ritorni in ufficio è diffusa. Comprende gruppi tradizionali – come la compagnia aerea Latam (SN: LTM) e banche come Itaú Unibanco (SA: ITUB4) e Banco do Brasil (SA: BBAS3) – e si diffonde, a cascata, per le medie imprese. Un aspetto è chiaro: la vita professionale nel post-pandemia avrà una forte componente di home office.

Secondo Roberto Patiño, direttore di JLL, in media, un terzo della forza lavoro nell’area aziendale dovrebbe lavorare principalmente da casa – basa le previsioni sulle conversazioni che ha avuto con le aziende. Nelle attività che non dipendono così tanto dall’interazione con il cliente, il taglio degli spazi fisici può essere più radicale. Nelle ultime settimane, Estadão ha parlato con aziende che hanno già ridotto i loro uffici del 40%, 50% e persino del 100%. Secondo Patiño, oltre agli uffici di ritorno, le aziende rivedranno anche gli spazi: presto, i proprietari di edifici aziendali, che scommettono su grandi film per aziende rinomate, dovranno cambiare tattica: questo perché, con la maggior parte dei team che lavorano a home office, ci sarà una crescente domanda di spazi di lavoro flessibili, e non solo nel modello di condivisione offerto da aziende come WeWork.

Alcune aziende che hanno già iniziato a ridurre gli spazi stanno adattando le vecchie strutture per trasformare le vecchie postazioni di lavoro individuali in ambienti condivisi. È il caso della banca BMG (SA: BMGB4), che ha 1,1 mila dipendenti. Secondo Alexandre Winandy, direttore della trasformazione organizzativa, l’istituzione ha rinunciato al 33% dello spazio che affitta in una delle regioni più costose della capitale di San Paolo: Avenida JK, a Itaim. Ora, uno dei piani viene adattato per ricevere sale riunioni ibride, cabine telefoniche e armadietti per le persone per conservare i propri effetti personali, che devono essere ritirati alla fine di ogni giornata. Winandy afferma che la decisione di trasferirsi in ufficio, che dovrebbe essere completata a maggio, è stata supportata da sondaggi che mostrano il 94% della soddisfazione dei lavoratori per l’home office.

Risparmio sull’affitto

In Afferolab, una società di consulenza in materia di formazione aziendale con 350 dipendenti, la maggior parte degli uffici sono diventati un ricordo del passato: con i team di Rio de Janeiro, San Paolo e Juiz de Fora (MG), l’azienda era relativamente avanti rispetto all’home office prima della pandemia , in quanto permetteva ai propri dipendenti di restare a casa un giorno alla settimana. “Ma c’è stata una certa resistenza da parte della dirigenza, che ha operato in modalità ‘comando-controllo'”, afferma Leonardo Bar, presidente della società. Con la riduzione degli affari nella pandemia, poiché la maggior parte delle aziende ha tagliato i costi di formazione, l’home office è diventato non solo una valida forma di organizzazione per Afferolab, ma anche un’opzione di riduzione dei costi per “assicurare” i licenziamenti. Per questo l’ufficio di Rio è stato chiuso, mentre il paulistano ha finito per dimezzarsi. Il risparmio annuale? Circa 1,2 milioni di R $.

Ufficio a casa

È stato il mercoledì delle ceneri, il 26 febbraio dello scorso anno, che la società di consulenza LacLaw si è trasferita nella sua nuova sede. Dopo aver firmato un contratto a gennaio e un breve periodo di ristrutturazione, l’azienda ha ampliato la sua superficie aziendale da 300 a 570 m². Tre settimane dopo, arrivò il blocco e LacLaw, che non aveva mai lavorato a distanza prima e non aveva intenzione di farlo, fu “gettato” nell’ufficio di casa. In mezzo ai cambiamenti nella riscossione delle tasse istituiti dal governo durante la pandemia, l’azienda ha dovuto aumentare il numero totale di dipendenti per soddisfare la domanda: è passato da 68 a 100 dipendenti, tra marzo 2020 e gennaio 2021. Nel frattempo, il giro dell’Avenida Il Brigadeiro Faria Lima, a San Paolo, è rimasto vuoto. L ‘”ufficio dei sogni” finì per essere abbandonato.

Abbiamo deciso di restituire la proprietà per creare una riserva di cassa”, afferma Flávio Lopes de Almeida, partner di LacLaw. “L’affitto rappresentava il 20% dei nostri costi – e oggi il costo è zero”. Il consulente non esclude di affittare un nuovo ufficio in un futuro post vaccino. Ma dice che sarà adattato alla nuova realtà dell’azienda. In altre parole: sarà molto più piccolo del precedente.

Un’altra azienda che ha scelto la stessa strada è stata la startup della tecnologia Blu, che ha restituito il 100% dello spazio che occupava, eliminando i costi di noleggio. “Ci siamo chiesti: la nostra azienda funziona in questo modello? E la risposta è stata sì: migliora anche”, afferma Luís Marinho, co-fondatore di Blu. La decisione di chiudere gli uffici – che il dirigente ritiene permanenti – è arrivata in risposta alla reazione della squadra, che oggi conta 400 persone, alla riapertura temporanea degli uffici, sempre nel 2020: “La richiesta era zero”. L’azienda tecnologica FS Security, invece, ha deciso di restare a metà strada. Si è reso conto di poter ospitare i suoi 125 dipendenti – lo stesso numero di inizio 2020 – in uno spazio più piccolo: per questo ha ridotto del 50% l’area affittata. “Non è stato difficile far lavorare l’azienda nell’home office. Ma crediamo che sia ancora importante avere uno spazio per l’ideazione di soluzioni. Questo è un processo molto più ricco se fatto di persona”, afferma Carlos Alberto Landim, presidente della società.

https://br.investing.com/news/markets/apos-onda-de-devolucoes-total-de-escritorios-disponiveis-em-sp-sobe-831765

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × 2 =