Clarice Lispector, l’ambasciata del Brasile rende omaggio alla scrittrice

Oggi ricorre il centenario della nascita della scrittrice brasiliana. In un esclusivo video omaggio l’attrice Tosca D’Aquino legge alcuni brani delle sue opere

ROMA 10 Dic. 2020 – Oggi ricorre il centenario della nascita della scrittrice brasiliana Clarice Lispector. L’ambasciata del Brasile a Roma celebra una figura emblematica della letteratura contemporanea con un esclusivo video omaggio in cui l’attrice Tosca D’Aquino legge alcuni brani della scrittrice. “Sono rimasta molto colpita dalle parole di Clarice Lispector. È una donna estremamente moderna che gioca con i personaggi in maniera unica. E poi sono napoletana e lei scrive parole stupende su Napoli” spiega D’Aquino a proposito del video realizzato nelle splendide sale dell’ambasciata in Piazza Navona a Roma in cui l’attrice napoletana legge alcuni tra i brani più significativi dell’autrice, restituendone l’intensità della scrittura e rievocando il legame della Lispector con l’Italia e Napoli, dove visse negli anni ’40. Dopo la pubblicazione del suo primo romanzo ‘Perto do coracao selvagem‘ (‘Vicino al cuore selvaggio’, 1943), a soli 23 anni, Clarice Lispector (1920-1977) viene acclamata dalla critica come una delle voci emergenti della nuova narrativa brasiliana.

Nata in una famiglia ebrea in Ucraina, si trasferisce ancora bambina in Brasile, dove si laurea e sposa il diplomatico Maury Gurgel Valente. Durante la Seconda guerra mondiale lo segue a Napoli. Qui sospende la scrittura e si offre come volontaria per assistere i soldati della Forza di spedizione brasiliana ricoverati presso l’ospedale allestito alla Mostra d’Oltremare, aiutandoli nella lettura e stesura della corrispondenza con i familiari. Va alla scoperta della città, devastata dai bombardamenti e dalla miseria. In Italia conosce Ungaretti e De Chirico che, mentre in strada si grida alla fine della guerra, la ritrae su tela.

Nel centesimo anniversario dalla sua nascita, l’Ambasciata Brasiliana a Roma le rende omaggio: “L’opera della Lispector-afferma l’ambasciatore Helio Ramos- generalmente situata nella terza fase del modernismo brasiliano, va molto al di là delle demarcazioni letterarie, nella misura in cui l’universalità della sua ricerca interiore rende le sue riflessioni sul quotidiano ancora attuali, se non, addirittura, atemporali”. Dotata di un fascino magnetico e di rara ecletticità – cronista, aforista, narratrice, saggista – Clarice Lispector è riconosciuta come una figura mitica, non solo per la sua produzione letteraria, ma anche per la sua prorompente personalità e innata eleganza del pensiero e del vivere: “Il mio dramma? Essere libera”, disse.

 

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × 1 =