L’accordo globale per ridurre le emissioni di metano porterà opportunità per l’agricoltura brasiliana, afferma il ministro

In una conferenza stampa, Tereza Cristina ha affermato che l'agricoltura tropicale ha già pratiche sostenibili per ridurre l'emissione di gas serra

In una conferenza stampa, Tereza Cristina ha affermato che l’agricoltura tropicale ha già pratiche sostenibili per ridurre l’emissione di gas serra

L’adesione del Brasile all’impegno globale per ridurre le emissioni di metano, durante la COP 26, a Glasgow, è stato uno dei principali risultati della Conferenza, a giudizio del Ministro Tereza Cristina (Agricoltura, allevamento e approvvigionamento). In una conferenza stampa tenutasi questo lunedì (22) il ministro ha affermato che il Brasile sta già sviluppando tecniche per ridurre i gas serra, come il metano e il carbonio. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il ministro dell’Ambiente, Joaquim Leite, e il ministro degli Esteri, Carlos França.


Molto più che problemi, questo porterà grandi opportunità per il nostro bestiame per essere sempre più efficiente. La nostra agricoltura tropicale sta già riducendo diversi gas, non solo metano ma anche carbonio. Abbiamo molto da mostrare per ciò che è già stato fatto e cos’altro saremo in grado di fare, soprattutto nel bestiame, sulla base delle nuove tecnologie emerse negli ultimi anni”, ha affermato.

Il Brasile ha portato alla COP26 diversi argomenti in cui già lavora per la sostenibilità in agricoltura e allevamento e ha preso casi di realtà che già accadono nel nostro campo. Il Ministero dell’Agricoltura ha presentato la seconda fase del Piano ABC+, con le tecnologie a basse emissioni di carbonio utilizzate dall’agricoltura brasiliana e gli obiettivi per il prossimo decennio.

Dobbiamo portare tutta questa tecnologia e processi produttivi, sempre più, soprattutto ai piccoli produttori. Il Brasile ha 6 milioni di proprietà rurali e dobbiamo democratizzare e universalizzare queste tecnologie in modo che i produttori rurali producano in modo sempre più sostenibile”, ha evidenziato il ministro.

Il ministro ha spiegato che l’impegno globale per una riduzione del 30% delle emissioni è volontario e che il Brasile sta già sviluppando diverse azioni che possono contribuire a questo obiettivo.

Abbiamo già una serie di processi che saranno da noi quantificati meglio, in modo che il Brasile possa ipotizzare quale sarà il suo obiettivo all’interno di questo 30%”, ha affermato.

Tra le strategie già in uso per ridurre le emissioni di metano nel bestiame brasiliano ci sono il miglioramento genetico dei pascoli per sviluppare mangimi più digeribili per gli animali e il miglioramento genetico degli animali, che consente la macellazione precoce. È allo studio anche l’utilizzo di additivi che possono essere aggiunti all’alimentazione animale, con sostanze come tannini e oli essenziali.


Il ministro dell’Ambiente Joaquim Leite ha affermato che il Brasile ha aderito all’accordo sul metano per dimostrare al mondo i programmi nazionali già esistenti, come ABC+ e Lixão Zero.

Il mondo non conosce le politiche nazionali, quindi vogliamo mostrare al mondo che il Brasile è parte della soluzione, abbiamo già programmi, facciamo già questa attività ed è per questo che dovevamo essere all’interno di questo accordo, per portare altri paesi a questa sfida ”, ha evidenziato Leite.


Il ministro degli Esteri, Carlos França, ha evidenziato che l’impegno per la riduzione del metano e la dichiarazione di Glasgow sulle foreste e l’uso del suolo dimostrano l’impegno inequivocabile che il Brasile ha con gli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico.

Quello che abbiamo avuto a Glasgow è stato un possibile accordo, affinché tutti i paesi, grandi e piccoli, ricchi e poveri, potessero procedere nel quadro della Convenzione quadro e dei suoi strumenti, nell’affrontare questa sfida comune: il cambiamento globale del clima, ” Egli ha detto.


França ha anche commentato il posizionamento dei paesi europei rispetto alla produzione brasiliana, quando molti offrono sussidi agricoli. “In Europa c’è molta agricoltura sovvenzionata. Terra e acqua sono risorse scarse. Sarebbe sostenibile mantenere l’uso inefficiente di queste risorse in questi paesi, a scapito dei sussidi? Non sarebbe non ecologico, contro l’ambiente ?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

tredici − tre =