Il ministro sottolinea la guida brasiliana al forum sulla sicurezza alimentare in Italia

Il ministro della Salute, Luiz Henrique Mandetta, ha partecipato, questo lunedì (10/14), all’apertura della 46a sessione del Comitato mondiale per la sicurezza alimentare (CSA), a Roma, in Italia. Nell’occasione, il ministro ha ribadito l’impegno brasiliano per l’agenda dei sistemi alimentari sani, per la sicurezza alimentare e la nutrizione e per il diritto umano a un’alimentazione adeguata. Il CSA, che durerà fino al 18, è il principale forum mondiale di alto livello sulla sicurezza alimentare e nutrizionale, coordinato dalla FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura). L’obiettivo del forum è garantire la sicurezza alimentare e la nutrizione per tutti da un approccio inclusivo. Nel suo intervento, il ministro della Salute, Luiz Henrique Mandetta, ha informato che, in pratica, il Brasile si sta già adoperando per garantire il diritto a un’alimentazione adeguata alla popolazione. “A livello nazionale, stiamo rafforzando la promozione dell’attività fisica, del cibo e di stili di vita sani. La nostra guida alimentare per la popolazione brasiliana ha innovato promuovendo un’alimentazione sana basata sul cibo e sui processi che integrano l’intero sistema alimentare, in modo che ogni cittadino possa consapevolmente fare le proprie scelte e cercare stili di vita più sani ”, ha sottolineato Mandetta.

“Ho avuto il piacere di incontrare @lhmandetta, Ministro della Salute del Brasile, e condividere idee su come migliorare la vita delle persone attraverso miglioramenti nella produzione alimentare e negli standard di consumo. “

 Direttore generale delle Nazioni Unite per Agricoltura e alimentazione) Ministero della Salute 14 ottobre 2019

La pubblicazione brasiliana, curata dal Ministero della Salute, è la guida principale per le scelte alimentari più appropriate e salutari da parte della popolazione, basate principalmente sul consumo di alimenti freschi o poco trasformati. Le informazioni sono utili anche per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche non trasmissibili (NCD), come l’obesità, l’ipertensione e il diabete. Durante il suo intervento, il ministro brasiliano ha sottolineato i progressi che il Paese ha ottenuto nel campo del mangiar sano, incoraggiando la popolazione a praticare attività e contrastando il consumo di tabacco, misure fondamentali per ridurre le malattie non trasmissibili. Tra questi progressi, oltre alla Guida Alimentare per la popolazione Brasiliana, il Ministero della Salute dispone anche di una piattaforma internet chiamata Saúde Brasil con pubblicazioni di testi, video e infografiche dedicate esclusivamente all’adozione di abitudini sane, basate su quattro pilastri: Voglio smettere di fumare; Voglio avere un peso sano; Voglio mangiare meglio e voglio fare esercizio.

SCENARIO E AVANZAMENTI IN BRASILE NELLA SICUREZZA ALIMENTARE

Il ministro della Salute ha parlato anche della transizione demografica e dei cambiamenti nei modi di vita delle popolazioni e dell’impatto di questi cambiamenti sul profilo epidemiologico e nutrizionale della popolazione brasiliana. “In Brasile, le malattie croniche non trasmissibili sono la principale causa di morte tra gli adulti. Nei bambini, sperimentiamo un’intensa riduzione della malnutrizione, allo stesso tempo affrontiamo un aumento significativo del sovrappeso e dell’obesità, tra gli altri esiti della malnutrizione ”.

La prevalenza dell’obesità in Brasile è aumentata dal 67,8% negli ultimi tredici anni, dall’11,8% nel 2006 al 19,8% nel 2018. Altre indagini del Ministero della Salute mostrano che il 12,9% dei bambini dai 5 ai 9 anni sono obesi (SISVAN-2016) e il 7,8% degli adolescenti tra i 12 ei 17 anni è obeso (ERICA-2015). Mandetta ha anche spiegato che tra i fattori che “ci hanno portato a questa situazione ci sono l’eccessiva assunzione di sale, zuccheri e grassi, il crescente consumo di alimenti ultra-processati, unito a stili di vita più sedentari”. In questo senso, il governo brasiliano ha firmato un accordo con il settore produttivo per rimuovere, entro il 2022, il totale di 144mila tonnellate di zucchero per dolci, preparati per dolci, latticini, prodotti di cioccolato, bevande zuccherate e biscotti ripieni. L’accordo segue lo stesso parametro di quello stipulato con l’industria alimentare per la riduzione del sodio, che in quattro anni è riuscita a rimuovere più di 17mila tonnellate di sodio dagli alimenti trasformati.

ESPERIENZE BRASILIANE SULLA SICUREZZA ALIMENTARE

Il coordinatore generale dell’Alimentazione e della Nutrizione del Ministero della Salute, Gisele Bortolini, parteciperà a due eventi collaterali durante la 46a Sessione. Verranno presentate le esperienze brasiliane sulle politiche pubbliche e intersettoriali riguardanti la promozione di cibo e sicurezza alimentare e nutrizionale adeguati e sani nel contesto dell’obesità, oltre ad affrontare ambienti alimentari sani e strategie convenienti per affrontare l’obesità infantile e il contesto di sistemi alimentari sani e sostenibile.

FONTE:https://www.gov.br/saude/pt-br/assuntos/noticias/ministro-destaca-guia-brasileiro-em-forum-sobre-seguranca-alimentar-na-italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − dodici =