Il nuovo Tropical Food Innovation Lab sfrutta l’innovazione alimentare in America Latina

Tre leader globali, Givaudan, Bühler e Cargill, hanno formato un consorzio in collaborazione con il Food Tech Hub LATAM e ITAL – Instituto de Tecnologia de Alimentos – per costruire un centro di innovazione a Campinas, SP , una città di riferimento della tecnologia in Brasile. Il Tropical Food Innovation Lab avrà sede presso ITAL, in un’area di 1.300 mq completamente rinnovata. Questo nuovo hub sarà il luogo di eccellenza in America Latina per lo sviluppo collaborativo di prodotti alimentari e bevande sostenibili. Startup, aziende, investitori, università e istituti di ricerca avranno accesso diretto a tecnologie all’avanguardia per la prototipazione rapida e la connessione all’ecosistema tecnologico globale del cibo e delle bevande, che promette di accelerare l’innovazione nel settore.

L’ultima generazione di sistemi di estrusione a umido e a secco per proteine ​​vegetali, così come unità di elaborazione delle bevande, aggiungeranno capacità complementari alle strutture già esistenti presso ITAL. Una volta completato, lo spazio sarà caratterizzato da nuovi laboratori applicativi e una cucina sperimentale all’avanguardia in cui consumatori, scienziati del settore alimentare, nutrizionisti, chef, mixologist, marketer e altro lavoreranno insieme per creare nuovi prodotti sostenibili.

Il Brasile ha la biodiversità vegetale più ricca del pianeta, distribuita in sei principali Biomi ed è uno dei principali produttori alimentari del mondo. Tuttavia, esiste ancora un immenso potenziale per nuovi alimenti sani e sostenibili, nonché per la riduzione degli sprechi alimentari, che contribuiscono alla trasformazione dei sistemi alimentari.

ITAL, che sta per compiere quasi 60 anni di storia in Brasile, è diventata un riferimento di mercato nella ricerca e sviluppo, oltre che nel supporto tecnologico e dell’innovazione. “La condivisione delle nostre strutture aiuterà a svolgere attività congiunte di ricerca e innovazione con l’obiettivo di stabilire strumenti per la creazione di un ecosistema alimentare innovativo, nonché trasferire tecnologia al settore della produzione alimentare per stimolare lo sviluppo socioeconomico”, ha evidenziato Gisele Camargo, direttore della Ricerca Programmazione e vicedirettore di ITAL.

“Il Tropical Food Innovation Lab riunisce un gruppo diversificato e complementare di partner strategici che lavorano in modo collaborativo, studiando le tendenze del mercato, condividendo idee e concetti sulla nutrizione, per progettare e concretizzare la prossima generazione di alimenti sostenibili e di qualità superiore, insieme ai nostri clienti. In Givaudan, siamo continuamente sfidati a creare esperienze alimentari gustose e nutrienti. Con un ampio portafoglio di aromi, sapori e soluzioni nutrizionali e funzionali, oltre a una profonda comprensione dell’ecosistema alimentare, siamo in una posizione unica per guidare un cambiamento positivo nell’industria alimentare”,

ha affermato Eduard Fontcuberta, Regional Head of Innovation di Givaudan.

 

“Questa grande cooperazione attorno all’innovazione accelera non solo la creazione di nuovi prodotti e categorie alimentari, ma anche nuove aziende, che prospereranno grazie all’uso sostenibile della biodiversità brasiliana”, ha affermato Paulo Silveira, fondatore di FTH Latam.

Per Damien Chapelier, capo di Bühler South America, il nuovo laboratorio di innovazione è un grande risultato per Bühler e farà leva in modo significativo sullo sviluppo dell’industria alimentare per il Sud America, in particolare per il Brasile. “In qualità di fornitore leader di tecnologie e soluzioni di processo, con oltre 160 anni e una forte attenzione all’innovazione, crediamo di poter contribuire con le nostre conoscenze per creare un impatto reale. Questo ambiente collaborativo e innovativo permette di supportare i nostri clienti ad avere successo in un mercato dinamico, attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti”, ha aggiunto.

“Cargill sta lavorando per nutrire il mondo. Stiamo riunendo persone, idee e risorse per fornire prodotti, tecnologia e modalità operative che creano aziende e comunità di successo, con i nostri clienti al centro di questo approccio. Il Tropical Food Innovation Lab rappresenta un ottimo esempio di questo impegno in America Latina, dove uniremo le forze con partner importanti in un ambiente unico di co-creazione e collaborazione per accelerare le innovazioni sostenibili che contano per la catena del valore agroalimentare regionale e, inoltre, per supportare la strategia e le richieste dei nostri clienti”, ha affermato Carlos Prax, leader regionale della ricerca e sviluppo di Cargill.

L’apertura del Tropical Food Innovation Lab è prevista per il primo trimestre del 2023.

 

Fonte: Givaudan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque × cinque =