Il governo federale investe 60 milioni di BRL per combattere la deforestazione illegale nel 2021 In un’intervista, il ministro della Giustizia e della pubblica sicurezza, Anderson Torres, afferma che il governo federale intende mantenere le azioni di successo del ministero nel 2022

Il governo federale investe 60 milioni di BRL per la lotta contro la deforestazione illegale nel 2021. La lotta contro i crimini di ogni genere resta una delle priorità del governo federale 

Nel 2021 il governo federale è intervenuto tempestivamente nella lotta alla criminalità organizzata, alla corruzione e ai crimini contro donne, bambini e adolescenti, oltre ai crimini contro gli anziani, tramite il Ministero della Giustizia e della Pubblica Sicurezza. Insieme al Ministero dell’Ambiente, l’Operazione Guardiani del Bioma ha affrontato più di 17.000 incendi boschivi in ​​11 stati dei biomi amazzonici, Cerrado e Pantanal, e l’intenzione è di ampliare l’operazione per inibire, oltre agli incendi, altri reati ambientali commessi nella regione.

La lotta contro i crimini di qualsiasi tipo continua a essere una delle priorità del governo federale. In un’intervista, il ministro della Giustizia e della Pubblica Sicurezza, Anderson Torres, ha fatto il punto sulle operazioni svolte dal ministero nel 2021, oltre a fornire una panoramica delle azioni e delle aspettative per il 2022.

Per combattere la deforestazione in Amazzonia. Come è stato svolto questo lavoro nel 2021?

Un lavoro molto importante, il governo che unisce le forze, i due ministeri che agiscono insieme nella regione amazzonica, nella regione del Pantanal, una regione dove il governo brasiliano è difficile da agire. Conosciamo le difficoltà che la regione impone, difficoltà logistiche e di personale, quindi abbiamo unito le forze, siamo saliti nella regione Nord con tutte le forze dello Stato, con la Forza Nazionale, con la Polizia Federale, con la Polizia Stradale Federale integrato con la Polizia di Stato. È la prima volta che lo Stato brasiliano è realmente presente a pieno titolo in quella regione. Le forze armate stavano già facendo un ottimo lavoro per combattere la deforestazione e penso che questa parte della sicurezza pubblica, insieme al [Ministero] dell’Ambiente, sia arrivata per unire gli sforzi e per noi ottenere risultati migliori, risultati che il Brasile merita.

Quali azioni sono previste per il 2022 in questo senso di deforestazione in relazione all’Amazzonia?

Abbiamo l’idea di creare alcune basi permanenti nella Regione Nord, compresa l’idea di nuove basi fluviali, la Polizia Federale ha già alcune basi lì, la questione dei fiumi lì è molto importante per il controllo dell’intero regione. L’operazione Guardiani del Bioma, che inizialmente aveva un pregiudizio verso gli incendi, abbiamo cambiato un po’ quel pregiudizio e ora i Guardiani del Bioma Fase 2 arrivano a combattere i crimini ambientali, la deforestazione in quella regione, tutta una pianificazione è in corso. Nel 2021 c’erano più di 8.000 poliziotti che lavoravano a questa operazione, R$ 60 milioni investiti e, nei prossimi anni, soprattutto nel 2022, vogliamo ricominciare a pieno regime affinché i numeri migliorino, così da poter davvero fallo, un lavoro efficace per combattere questi crimini.

Il Ministero aveva tutta una preoccupazione nel 2021 con la lotta alla criminalità organizzata, giusto Ministro?

Senza dubbio. Penso che una delle funzioni principali qui del Ministero della Giustizia, una delle nostre principali attribuzioni sia quella di strutturare la polizia, di strutturare questa rete per combattere la criminalità organizzata in Brasile. Abbiamo cercato di aiutare nell’acquisizione delle attrezzature, nella realizzazione di corsi per le forze dell’ordine, svolgendo operazioni integrate finalizzate anche a questo scopo. Penso che nel 2021 abbiamo avuto buoni numeri e ottimi risultati. Da quanto

 

Si apprende da queste operazioni che vengono effettuate, abbiamo visto che si sono svolte delle aste. Questo è un grande vantaggio.

SUO. Questa è una visione che portiamo dalla Polizia Federale, abbiamo iniziato con questa visione molti anni fa, l’abbiamo chiamata la “visione capitalista della lotta al narcotraffico”, oggi usiamo questa visione capitalista della lotta alla criminalità organizzata, che sta prendendo soldi da la tratta, la vendita di questi beni e l’utilizzo di questa risorsa contro la stessa tratta, contro la stessa criminalità organizzata. Pertanto, la realizzazione delle aste è fondamentale. Abbiamo aggiornato molto qui al Ministero, per farti un’idea, nel 2019 c’erano 19 aste, nel 2020 penso 120 aste e ora c’erano più di 230 aste. Quindi questo è molto importante, è far girare il ciclo, prendere questa risorsa e riportarla alla polizia, per la repressione, la prevenzione della criminalità e, soprattutto, la criminalità organizzata. 

 

Ci sono molte responsabilità del Ministero, tra cui la lotta alla corruzione e al riciclaggio di denaro, vorrei che ne parlaste.

Penso che forse questa sia la grande missione del Ministero e del Governo e l’obbligo di ogni dirigente. Il presidente Jair Bolsonaro, ha innovato nella formazione dei ministeri, nel modo in cui ha costituito la sua squadra, e questa, a mio avviso, è l’iniziale repressione della corruzione. Penso che abbia ragione il presidente Jair Bolsonaro a portare i tecnici ai ministeri, questa è una prima prevenzione della corruzione e, da parte del ministero della Giustizia, qui si fa un lavoro repressivo, soprattutto con la Polizia federale. Ci sono state più di 150 operazioni fino ad oggi, il che dà una media di ogni due giorni un’operazione anti-corruzione in Brasile. Nel 2021 abbiamo svolto un lavoro molto forte volto a dirottare le risorse che il Governo Federale ha inviato agli Stati da investire nella prevenzione e nella lotta al Covid, che è codardia con la popolazione. Erano più di 220 i comuni con operazioni di Polizia Federale per evitare, frenare, reprimere lo sviamento di risorse destinate al Covid, un’assurdità, ma il Ministero della Giustizia, attraverso la Polizia Federale, ha lavorato molto su questo, per per assecondare queste perquisizioni, arrestare queste persone e ritenere responsabili coloro che prelevano questi soldi dallo scopo per cui sono stati investiti.

Anche il Ministero della Giustizia sta svolgendo questo lavoro congiunto per combattere i crimini contro i bambini, gli anziani e anche contro le donne.

 Ho portato qui alcuni dati che vorrei condividere che ritengo importanti per illustrare l’importanza di questo lavoro coordinato dal Segretariato delle Operazioni Integrate, del Ministero della Giustizia, che riunisce qui le forze di polizia di tutto il Brasile. Nel 2021 abbiamo realizzato l’Operazione Maria da Penha, ci sono state più di 14mila persone arrestate e 127mila donne servite, vedere la gravità del problema nel nostro Paese, vedere la quantità di persone bisognose di cure che spesso non trovano questo servizio , non lo trovo questo sostegno e il Ministero ha svolto questa operazione e ha portato questa mano a queste persone. Abbiamo realizzato l’Operazione Acalento per combattere la violenza su bambini e adolescenti, 1.000 persone sono state arrestate e 18.000 vittime sono state curate, i numeri sono impressionanti in tutto il Brasile, la violenza sui bambini è violenza complicata, i bambini spesso non possono urlare, non chiedere aiuto è molto difficile.

Operazione Vetus 2 per combattere la violenza contro gli anziani, 400 persone sono state arrestate e più di 17.000 anziani sono stati curati. Abbiamo avuto Operação Luz da Infância 8 con più di 90 arresti in Brasile e in cinque paesi dell’America del Sud. Quindi, come ho detto, è un lavoro che è un nostro obbligo, ma che ci riempie anche di orgoglio di poter fare e essere in grado di aiutare queste persone e potrebbe preoccuparci. Il governo federale sembra così lontano dal popolo, così lontano dal cittadino, ma non lo è.

E queste operazioni continueranno nel 2022?

Continueranno, non si fermano, sono operazioni permanenti, continuiamo a raccogliere dati, continuiamo a monitorare il lavoro della Polizia Civile e il lavoro della Polizia Giudiziaria in Brasile affinché, quando una nuova operazione sarà matura, noi può innescare e si spera con numeri più piccoli, perché se i numeri sono più piccoli è perché il lavoro sta davvero funzionando.

Parlando ora dell’uso della tecnologia, il Brasile ha la Banca dei Profili Genetici che funge da esempio per il mondo intero, vorrei che ne parlaste un po’?

Questa banca è super interessante, nel 2021 abbiamo avuto anche numeri estremamente espressivi, abbiamo raggiunto il traguardo di 100.000 materiale genetico da persone condannate penalmente nella nostra banca, il numero è 14 volte superiore a quello registrato nel 2019. Nel 2021 erano più di 1400 indagini penali che sono state assistite dalla banca del profilo genetico, vedono l’importanza di questa banca in materia di indagini penali, in materia di localizzazione degli scomparsi, che è un altro flagello che le persone devono affrontare in Brasile, il numero di persone scomparse ogni anno qui è molto grande, quindi il governo federale ha aiutato, raggiungendo e avvicinando il cittadino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattro × quattro =