COP26; Brasile la partecipazione al Summit sul clima con risultati storici

Il Paese ha annunciato impegni importanti ed è stato fondamentale per la regolamentazione del mercato globale del carbonio

La Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP26) si è conclusa e la delegazione brasiliana, guidata dal Ministro dell’Ambiente Joaquim Leite, ha lasciato Glasgow, in Scozia, con importanti risultati e importanti impegni firmati per coinvolgere il mondo verso una nuova economia verde. Tra gli annunci fatti allo stand del Paese all’evento, spiccano gli impegni per dimezzare le emissioni di gas serra (GHG) entro il 2030, con neutralità nel 2050, e per eliminare la deforestazione illegale due anni prima della scadenza precedente, nel 2028; la firma della dichiarazione delle foreste e la revisione degli obiettivi di produzione del metano.

Sia allo stand brasiliano che nel discorso del ministro Joaquim Leite alla plenaria della Conferenza, il Paese ha evidenziato le sue priorità, come la regolamentazione del mercato internazionale dei crediti di carbonio – parte del cosiddetto articolo 6 dell’Accordo di Parigi – e la necessità di obiettivi più ambiziosi per il finanziamento internazionale dei paesi sviluppati per la conservazione dell’ambiente. La proposta del Brasile era di aumentare il livello di sostegno finanziario dei paesi sviluppati per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050 in tutto il pianeta, a un trilione di dollari l’anno, al fine di attuare una nuova agenda verde, garantendo la generazione di posti di lavoro e ricchezza. Allo stesso tempo, il paese ha discusso in modo costruttivo di salvaguardie per Redd+, uno strumento per premiare finanziariamente i paesi in via di sviluppo per i loro risultati relativi al recupero e alla conservazione delle loro foreste.

Fin dall’inizio della conferenza, il governo brasiliano ha dimostrato alla comunità internazionale di essere interessato all’ambiente e al clima, di essere protagonista e parte della soluzione globale a questa sfida. Vale la pena dire che lo sforzo viene da mesi fa. A settembre, il ministro Joaquim Leite ha avviato una serie di circa cento incontri con rappresentanti di paesi di tutte le regioni del mondo per raggiungere un consenso durante la conferenza sul clima.
Questo atteggiamento flessibile e pro attivo è stato pubblicamente riconosciuto da altri negoziatori e ha avuto un effetto sul tavolo della COP26. Sabato scorso (13), il presidente del vertice, Alok Sharma, ha annunciato l’approvazione dell’articolo 6 dell’Accordo di Parigi, creando così il mercato globale del carbonio.

Questo è fantastico per il Brasile, per l’America Latina, per coloro che hanno la foresta nativa. Una sfida immensa, dovuta principalmente alla resistenza dei maggiori inquinatori in relazione alle risorse per il fondo di adeguamento, che ha quasi bloccato le trattative. Ma il Brasile sarà un grande esportatore in questa nuova green economy, è un’opportunità unica”, ha spiegato Joaquim Leite, ricordando il ruolo fondamentale del team del ministero degli Esteri nell’affrontare la questione.

Il ruolo guida del Brasile nei negoziati è stato riconosciuto da altre nazioni. Il ministro Joaquim Leite ha ricevuto allo stand brasiliano John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti per i negoziati sul clima, Frans Timmersmans, vicepresidente della Commissione europea, e Xie Zhenhua, inviato speciale della Cina per il cambiamento climatico. Oltre agli incontri nello spazio brasiliano, durante la plenaria, la delegazione brasiliana ha ricevuto i complimenti dei rappresentanti di diversi paesi che si sono congratulati con i negoziatori brasiliani per l’atteggiamento impegnato e costruttivo del Brasile durante i negoziati per raggiungere il consenso e il successo nel risultato finale.

Diversi numeri sul “vero Brasile”, a volte poco conosciuti, hanno guadagnato spazio alla COP26, come la base rinnovabile dell’84% della matrice elettrica nazionale, generando un record di posti di lavoro nell’energia solare ed eolica; i 16 milioni di ettari di foreste autoctone già in ripresa; i quasi 28 milioni di ettari di prati degradati ripristinati dall’agricoltura a basse emissioni di carbonio; il più grande programma operativo al mondo per i biocarburanti; e un programma di gestione dei rifiuti solidi, che ha già ridotto del 20% il numero di discariche a cielo aperto.

Sono state inoltre affrontate le azioni integrate tra ministeri e organi ispettivi, il rafforzamento del budget – raddoppiando le risorse destinate alle agenzie ambientali – e il personale per il contrasto dei reati ambientali. Sul tema dei finanziamenti, il Paese ha evidenziato 50 miliardi di dollari già disponibili nelle banche federali, per progetti sostenibili in vari settori, oltre al lancio di un fondo di 500 milioni di R$ da parte della Banca nazionale per lo sviluppo economico e sociale (BNDES) , il Floresta Live.
Sono state inoltre evidenziate iniziative come la piattaforma digitale del Programma nazionale per i pagamenti per i servizi ambientali, Floresta+ – il nuovo sistema gestirà i pagamenti a privati ​​e aziende che sviluppano progetti di conservazione in aree di conservazione permanente (APP) e riserve legali; il recente avvio delle basi per il Programma Nazionale Crescita Verde, finalizzato alla riduzione delle emissioni, alla conservazione delle foreste e all’uso razionale delle risorse naturali; o Águas Brasileiras, con l’obiettivo di raggiungere i 100 milioni di alberi piantati; e la trasformazione dalla logistica alla ferrovia, con oltre 5.000 km di nuovi binari, che rappresentano una riduzione del 75% delle emissioni da trasporto merci.

“Senza dubbio, abbiamo svolto il nostro ruolo in questa COP sul clima. Abbiamo creato il mercato globale del carbonio, fatto annunci importanti che collocano il Brasile come parte della soluzione e impegnato il mondo verso una nuova economia verde”, ha celebrato il ministro Joaquim Leite. “Il vero Brasile è stato presentato al mondo. Il Brasile che si prende cura dell’ambiente, che genera posti di lavoro verdi, che ha come risultato l’ambientalismo. Questo è il nostro Brasile”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − nove =