Istituzioni e l’industria cercano di stimolare la produzione di input farmaceutici in Brasile

Il paese produce solo il 5% della materia prima necessaria per produrre medicinali. La maggior parte, come l’IFA dei vaccini, viene importata dalla Cina e dall’India

Anche con l’inizio della vaccinazione contro il covid-19 in Brasile, dopo l’approvazione d’urgenza degli immunizzatori di Oxford / AstraZeneca e Sinovac, il governo brasiliano ha dovuto affrontare nuovi ostacoli oltre alla malattia: la scarsità di materiali come siringhe, aghi e IFA (Active Pharmaceutical Ingredient), materia prima per vaccini e medicinali che provoca la risposta immunitaria nel corpo umano. L’ingrediente non è prodotto in Brasile e deve essere importato da paesi come Cina e India.

Per evitare la paralisi vaccinale nel Paese per mancanza di input, sarebbe necessaria quasi un’operazione di guerra, poiché l’immunizzazione di 210 milioni di persone, nel caso della popolazione brasiliana, richiede la mobilitazione di diversi fornitori di servizi, input e prodotti, oltre a una pianificazione complessa. Secondo la piattaforma Our World in Data, sviluppata dall’Università di Oxford, il Brasile ha finora applicato 1,94 dosi ogni 100 abitanti.

Piano nazionale di vaccinazione

Qui la vaccinazione contro il covid-19 è iniziata a gennaio, con 5.994.560 milioni di dosi, secondo i dati del Ministero della Salute. Il primo lotto è stato il vaccino Coronavac, sviluppato dal laboratorio cinese Sinovac e prodotto nel Paese dall’Istituto Butantan. Poi è stata la volta dell’immunizzatore Oxford / AstraZeneca, prodotto a livello nazionale da Fiocruz, con 906,6 milioni di dosi. Il Piano Nazionale per l’Operazionalizzazione della Vaccinazione contro il Covid-19, ideato dal Ministero della Salute, prevede attualmente l’immunizzazione di operatori sanitari, anziani, persone con disabilità e popolazioni indigene.

Oltre all’approvazione da parte della National Health Surveillance Agency (Anvisa) dell’uso in emergenza dei vaccini prodotti da Fiocruz (che ha recentemente richiesto una registrazione definitiva dell’immunizzatore) e Butantan, Pfizer ha presentato una richiesta di registrazione definitiva per l’approvazione del suo vaccino.

Il governo ha avviato trattative per l’acquisto di Sputnik V, Gamaleya Research Institute, Russia, e Indian Covaxin, Bharat Biotech, le cui dosi hanno aggiunto agli accordi con Fiocruz e Butantan, l’adesione al consorzio Covax Facility e l’importazione di dosi pronte del vaccino Oxford / AstraZeneca porterebbe a un totale di 354,9 milioni di dosi entro la fine di quest’anno, secondo le informazioni di Agência Brasil.

Dipendenza dall’industria nazionale

Dopo tutto, cosa ferma l’immunizzazione di massa contro il covid-19 in Brasile? La risposta sta nello scenario dell’industria farmaceutica nazionale. I dati dell’Associazione brasiliana dell’industria degli input farmaceutici (Abiquifi) mostrano che il paese produce solo il 5% degli input per la produzione di medicinali. La maggior parte, il 95%, viene importata da paesi come Cina e India, responsabili della produzione del 40% degli input utilizzati nel mondo.

Ma non è stato sempre così. Negli anni ’80, l’industria farmaceutica nazionale era responsabile del 55% dei suoi input. Tuttavia, nel decennio successivo, ha dato luogo all’importazione di medicinali, poiché è diventato più economico portare input dall’estero che produrli in Brasile. In questo modo la nazione ha iniziato ad importare il 90% dell’IFAS utilizzato, in conseguenza dell’apertura commerciale e dello scoraggiamento della produzione locale.

Questa vulnerabilità rispetto agli input in un Paese di 210 milioni di abitanti e con un unico sistema sanitario, SUS, è inaccettabile “, afferma Norberto Prestes, presidente di Abiquifi.

Istituzioni ed aziende reagiscono

Nel 2020, al culmine della pandemia di coronavirus, “la salute ha iniziato a essere vista come un asset strategico”, secondo Prestes. L’IFA, essenziale per la produzione di vaccini contro il covid-19, è diventato essenziale nella guerra contro il virus.

Con pochi vaccini, il Brasile ha affrontato nuove (o vecchie) sfide: l’insufficienza del suo settore farmaceutico e gli ostacoli politici che hanno impedito l’invio di immunizzatori e rifornimenti dalla Cina e dall’India, mentre altri paesi avevano già avviato l’immunizzazione dei suoi cittadini.

Nel tentativo di rendere questo settore più indipendente da pressioni esterne e carenze, entità come Abiquifi e la Società brasiliana per la ricerca industriale e l’innovazione (Embrapii) hanno firmato un accordo per promuovere l’innovazione, la produzione locale e l’indipendenza tecnologica. Strategic Alliance, un progetto lanciato alla fine di gennaio durante una cerimonia online, incoraggerà la cooperazione tra le 44 aziende associate ad Abiquifi con i centri di ricerca Embrapii in Brasile.

Senza ricerca, senza innovazione

Oggi, uno dei maggiori problemi con l’innovazione in Brasile è che la maggior parte delle aziende industriali non ha centri di ricerca. Senza centri di ricerca, non è possibile innovare, creare nuovi prodotti o brevetti”, afferma Jorge Guimarães, CEO di Embrapii. “Sappiamo che c’è molta competenza nelle università e nei centri di ricerca brasiliani, quindi vogliamo renderli più accessibili alle aziende.

Dal 2013, l’entità ha supportato gli istituti di ricerca tecnologica e promosso l’innovazione nell’industria brasiliana, incoraggiando la cooperazione con istituzioni pubbliche o private, concentrandosi sulle esigenze di business del Brasile. Attualmente, Embrapii, come organizzazione sociale privata senza scopo di lucro, riceve risorse dal Ministero della Scienza, Tecnologia, Innovazioni e dal Ministero dell’Istruzione e, di recente, dal Ministero della Salute.

Oggi, l’entità ha 61 delle cosiddette “unità Embrapii” – centri di ricerca accreditati di università brasiliane con esperienza in innovazione industriale – destinatari di queste risorse finanziarie attraverso l’entità. Tra questi ci sono l’USP Physics Institute di São Carlos (SP), Senai Cimatec, a Biahia, e il Physical Metallurgy Laboratory presso l’Università del Rio Grande do Sul (UFRGS).

Per l’Alleanza Strategica, il modello di lavoro è simile al “modello Embrapii”, come spiegato da Jorge Guimarães. Le aziende farmaceutiche partecipanti (membri di Abiquifi) svilupperanno i loro progetti in collaborazione con le unità di ricerca di Embrapii. Questi, a loro volta, metteranno a disposizione delle aziende la loro infrastruttura, come attrezzature, materiali e macchine. Queste risorse rappresentano circa il 18% dei fondi messi a disposizione delle aziende e che verranno utilizzati nel progetto.

“Il settore farmaceutico in Brasile, anche a Embrapii, è ancora molto carente. Delle 750 aziende partner, solo quattro sono nel settore. Questo è assurdo per un Paese che è il più grande mercato di consumo di medicinali al mondo”, sottolinea Guimarães.

Per Norberto Prestes, di Abiquifi, il primo passo per riprendere il settore degli input in Brasile è investire in tecnologia. “Oggi è già possibile prevedere quali malattie saranno prevalenti nella popolazione tra 20 o 30 anni”, afferma. “E il Brasile può prepararsi tecnologicamente a questo, investendo nelle università, nei centri di ricerca, nella qualificazione del lavoro, finanziando le aziende nazionali perché riprendano i loro parchi industriali e applicando modelli di produzione che sono già un riferimento all’estero”.

Il rappresentante dell’ente sottolinea che la pandemia rappresenta una possibilità per riprendere il settore, ma in modo più pianificato e mirato. “Nessun paese è indipendente al 100% nell’IFA, ma è possibile definire quali input saranno completamente prodotti qui, tenendo conto degli aspetti della salute pubblica brasiliana”, afferma.

https://epocanegocios-globo-com.cdn.ampproject.org/c/s/epocanegocios.globo.com/amp/Empresa/noticia/2021/02/entidades-e-industria-tentam-estimular-producao-de-insumos-farmaceuticos-no-brasil.html

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

5 × due =