La Federal Rural University of the Semi-Arid cerca il supporto istituzionale di MCTI per aprire il Parco tecnologico

Anche la preside dell’UFERSA, Ludimilla Carvalho Serafim de Oliveira, prevede di stipulare accordi di cooperazione tecnica con Israele, oltre ad avere il supporto dei parlamentari per il completamento dei lavori

Il clima semi-arido ha caratteristiche peculiari come l’abbondanza di sole, la scarsità d’acqua, le alte temperature e tante ricchezze scientifiche da esplorare nei biomi della caatinga e del cerrado. Pensando allo sviluppo della regione attraverso la ricerca, le tecnologie e le innovazioni, un’università federale situata a Mossoró, all’interno del Rio Grande do Norte (RN), prevede di inaugurare nel secondo semestre di quest’anno il Parco Tecnologico del Federal Rural Università del Semi-Arido (UFERSA). Il progetto nella fase finale di costruzione prevede un edificio con una superficie di 3 mila m², con un budget di circa R $ 10 milioni per la fase di finitura. La preside dell’università, la professoressa Ludimilla Carvalho Serafim de Oliveira, è venuta personalmente a Brasilia per incontrare il ministro della Scienza, della tecnologia e delle innovazioni, Marcos Pontes, per chiedere l’aiuto istituzionale dell’MCTI.

“Vogliamo trasformare l’UFERSA nel riferimento brasiliano e persino mondiale nella ricerca nella regione semiarida, che è una regione che richiede una strategia di coesistenza differenziata e che ha bisogno di tecnologia e scienza. Stiamo lavorando per inaugurare il Parco Tecnologico nel secondo semestre ”, ha rivelato il decano.

La strategia del professor Ludimilla prevede di avvicinare l’università al governo israeliano per un accordo di cooperazione tecnica, una sorta di scambio di tecnologie e conoscenze. Il decano era in Israele ed è rimasto colpito da come la regione abbia caratteristiche simili all’interno del nordest brasiliano. “Abbiamo molto da imparare da Israele e anche trasmettere la nostra conoscenza. La nostra università ha più di 50 anni ed è molto forte nell’area agraria. Abbiamo un’incredibile somiglianza non solo nelle condizioni geografiche, ma anche nelle tecnologie nelle aree agricole. Ecco perché vogliamo chiedere il sostegno del ministro Marcos Pontes per svolgere una missione internazionale con il governo israeliano ”, ha detto.

Durante l’incontro, il Ministro Marcos Pontes ha confermato che l’MCTI aiuterà nell’articolazione politica affinché l’università ottenga i fondi necessari per completare le strutture dell’edificio in cui opererà il Parco Tecnologico. “A causa dei vincoli di budget, non saremo in grado di contribuire finanziariamente. Ma credo che il percorso sia attraverso emendamenti parlamentari per questo progetto, che sarà così importante per la regione e per il Paese ”, ha suggerito Pontes, che ha anche consigliato all’università di utilizzare l’unità di ricerca collegata dell’Istituto Nazionale Semi-Arido (INSA) a MCTI per essere il punto focale dei progetti con il ministero.

Per quanto riguarda l’articolazione politica, l’università ha già contattato alcuni parlamentari del Rio Grande do Norte in cerca di sostegno. Il vice generale Girão (PSL / RN), che è il presidente del Fronte parlamentare misto per il Semi-Arido, ha recentemente assegnato un emendamento dell’importo di 1 milione di R $ per aiutare con la conclusione del progetto. Anche la deputata Carla Dickson (PROS / RN) ha contribuito all’UNIFERSA con progetti legati all’area della divulgazione della scienza.

All’incontro hanno partecipato anche il Segretario per l’imprenditorialità e l’innovazione di MCTI, Paulo Alvim, consigliere di UNIFERSA, Hudson Palhano de Oliveira Galvão, e il capo del personale, Cláudia Alves de Sousa Muniz.

https://www.gov.br/mcti/pt-br/acompanhe-o-mcti/noticias/2021/02/universidade-federal-rural-do-semi-arido-busca-apoio-institucional-do-mcti-para-inaugurar-parque-tecnologico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 + cinque =