Etanolo da mais: il settore vuole crescere del 200% entro il 2028 e “cavalcare l’onda della green economy”

La National Corn Ethanol Union ritiene che l’agenda contro il cambiamento climatico possa aprire i mercati per i biocarburanti, aggiungendo valore alla produzione di cereali

In futuro, l’agenda contro il cambiamento climatico dovrebbe acquisire maggiore importanza a livello internazionale. Di conseguenza, l’etanolo brasiliano dovrebbe guadagnare spazio nel mercato estero grazie al suo potenziale di ridurre le emissioni di gas serra fino al 90%.

Il presidente della National Corn Ethanol Union (Unem), Guilherme Nolasco, afferma di aver parlato con i produttori nordamericani e con i rappresentanti degli Stati Uniti che temono la crescita del settore in Brasile.

La posizione dell’entità a questo proposito era quella di difendere la creazione di un’agenda globale sull’etanolo, al fine di espandere la partecipazione di questo biocarburante in diversi paesi importanti, come l’India e la Cina, in modo che non ci fosse carenza di domanda per nessuno.

Biden, con il potere del commercio internazionale degli Stati Uniti, può aprire una grande opportunità e noi possiamo farci un giro. Quando inibisce la perforazione di nuovi pozzi petroliferi e segnali per i biocarburanti, utilizzando i sussidi, è un paniere super cool per il settore ”, difende.

L’etanolo dovrebbe conquistare il mercato con la ripresa dell’agenda contro il cambiamento climatico. L’etanolo di mais crea posti di lavoro e diventa un’opzione redditizia per i produttori.

Vantaggi dell’etanolo da mais

Oltre all’etanolo prodotto dalla canna da zucchero, c’è anche il biocarburante prodotto dal mais. Nolasco afferma che da quando il settore ha iniziato ad organizzarsi, l’idea era di “cavalcare l’onda della green economy”, essendo un biocarburante che mitiga oltre il 70% dei gas serra rispetto alla benzina.

Secondo lui, la produzione brasiliana ha un altro differenziale a vantaggio dell’ambiente: il fatto che il mais utilizzato come materia prima venga prodotto come secondo raccolto. “Ciò richiede una minore combustione di carburante e trattamenti culturali, utilizzando il primo raccolto. Questo è un altro bene ambientale ”, afferma Nolasco.

Un altro punto è che durante la produzione di etanolo da mais, viene generato un sottoprodotto, DDG. Nolasco afferma che la produzione di questo input per l’alimentazione animale può ottimizzare l’ingrasso del bestiame nel tempo e nello spazio, il che sarebbe anche un bene per l’ambiente, liberando aree di pascolo per colture o foreste. “Questo inibisce il progresso dell’agricoltura in nuove aree”, spiega.

Inoltre, la pianta ha bisogno di trucioli di legno per funzionare. Pertanto, si prevede che verranno piantate foreste per fornire energia all’industria e il surplus dell’elettricità generata potrebbe andare al sistema di distribuzione nazionale.

Aumentare la produzione

Nolasco ritiene che la green economy porterà benefici anche ai prodotti, che possono trarre vantaggio dalla domanda degli investitori di crediti di carbonio, i CBios implementati da RenovaBio, per finanziare la costruzione di nuovi impianti o l’ampliamento di impianti esistenti. “Questo è molto importante per noi”, sottolinea.

Secondo Unem, la produzione di etanolo da mais è passata da 141,29 milioni nel raccolto 2015/2016 a 2,65 miliardi di litri previsti per questa stagione. Fino al ciclo 2027/2028 l’ente ritiene che il volume raggiungerà gli 8 miliardi di litri, con un incremento del 200% rispetto a quanto previsto per la stagione in corso.

Questa crescita è correlata all’aumento del numero di piante. Veniamo lì ogni anno aumentando le operazioni. Il raccolto 2021/2022 sarà più basato sull’espansione della capacità produttiva delle industrie esistenti. L’intero settore sta già lavorando al massimo delle sue capacità. Non c’è raccolto e fuori stagione, la produzione è lineare, con un periodo di manutenzione da 10 a 15 giorni ”, afferma.

Attualmente, ci sono 17 impianti che funzionano con l’etanolo da mais in Brasile, inclusi impianti flessibili (che producono anche biocarburante dalla canna da zucchero) e impianti completi (che funzionano solo con cereali). Quindici di loro si trovano nel Midwest – 10 nel Mato Grosso e 5 a Goiás – e rappresentano il 99% della produzione, secondo Unem. San Paolo e Paraná ne hanno uno piantato ciascuno, ma con rese molto inferiori.

Secondo Nolasco, ogni anno vengono aperti in media due o tre nuovi impianti di etanolo da mais. Nel 2021 la previsione è una sola, per ora. “Abbiamo avuto un punto di attenzione nel 2020 [con la pandemia e gli effetti sull’economia] quindi ora nel 2021 deve esserci un buco, che sarà rifornito dalle espansioni in altri stabilimenti”, dice.

Senza aprire nuovi stabilimenti, ma solo aumentare la produzione di quelli esistenti, il Brasile dovrebbe produrre 650 milioni di litri in più nel raccolto 2021/22, raggiungendo i 3,3 miliardi di litri. Sul radar di Unem ci sono 23 progetti, che dovrebbero aumentare la produzione di 4,84 milioni di litri.

“Abbiamo una risposta di produzione molto rapida, perché dispone di materie prime, tecnologia e capacità di investimento”, afferma.

Buon affare per il Brasile

Nolasco sottolinea che l’idea è di non danneggiare il settore del mais. Al contrario, l’etanolo può aggiungere valore, generare posti di lavoro, tasse e ricchezza in Brasile.

“Stiamo fornendo uno studio per mostrare quanto una tonnellata di mais esportata in grano rappresenta in valuta e quanto una tonnellata di mais lavorato rappresenta per l’economia”, conclude.

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 + quattordici =