Dalla trasmissione alla banda larga, impara a conoscere i satelliti brasiliani che aiutano lo sviluppo del paese

Attualmente, il satellite per la difesa geostazionaria e le comunicazioni strategiche è responsabile di portare Internet ad alta velocità negli angoli del Brasile

Sapevi che un brasiliano è stata la prima persona fisica a mettere in orbita un satellite nel mondo? Sapevi anche che questa attrezzatura è essenziale per sapere dove ci sono gli incendi nel paese e per monitorare le foreste? E che un satellite gestito dal Brasile è responsabile di portare Internet ad alta velocità a più di 12mila punti sparsi nelle cinque regioni?

Guarda come il paese si è sviluppato e dominato e la tecnologia alla base di questi satelliti, così essenziali per monitorare l’Amazzonia, agisce nelle previsioni meteorologiche e assiste nella difesa del territorio nazionale. Di seguito, abbiamo tracciato una sequenza temporale che mostra dal momento in cui un appassionato di programmi spaziali ha realizzato il primo oggetto brasiliano da lanciare fuori dall’atmosfera fino al super-tecnologico Geostationary Defense and Communications Satellite (SGDC).

Dove Oscar 17

Il geofisico Júnior Torres de Castro, nato a Botucatu (SP), è diventato noto in tutto il mondo come il “padre” del primo satellite lanciato da un cittadino, e non collegato a un’azienda. Inizialmente, Castro ha creato un dispositivo molto efficiente nei test effettuati a terra, ma senza la necessaria resistenza per resistere alla pressione atmosferica durante il lancio.

Dopo una presentazione di successo del prototipo di Little Brick presso l’Università dello Utah (USA), il ricercatore è riuscito a donare parti e acquistare, a prezzo di costo, i componenti necessari per inviare il satellite stesso nello spazio. Dedicato ai radioamatori, il Dove Oscar 17 è decollato il 21 febbraio 1990 dalla base spaziale di Kourou nella Guyana francese. Misura 23 cm per 21 cm e pesa circa 13 kg.

Ispirato dall’esplorazione spaziale sin dal 1957, quando Sputinik-1 divenne il primo satellite in orbita terrestre, Castro decise che avrebbe fatto il suo. Tra le funzionalità che dava alla sua attrezzatura c’era la trasmissione di messaggi di bambini, da diverse parti del mondo, in cui chiedevano la pace tra i popoli.

Si pensava che la Dove avesse una vita utile di sei anni, ma funzionò fino al 1998, quando la batteria si scaricò e il computer di bordo smise di funzionare. Castro è morto il 17 gennaio 2018, all’età di 85 anni.

SCD-1

Il Data Collection Satellite 1 (SCD-1) è stato il primo completamente progettato, costruito, testato e utilizzato in Brasile. L’SCD-1 ha superato tutte le aspettative di tempo di funzionamento ed è l’attrezzatura di questo tipo più longeva mai prodotta nel paese. Lanciato il 9 febbraio 1993, avrebbe dovuto funzionare per un anno, ma oggi continua a inviare informazioni.

Tra i dati forniti dal satellite ci sono le previsioni del tempo, il monitoraggio del livello dell’acqua di fiumi e dighe, tra gli altri. L’SCD-1 ha segnato l’inizio del sistema di raccolta dati brasiliano, che fornisce dati nell’area della meteorologia, chimica dell’atmosfera, controllo dell’inquinamento e valutazione del potenziale di energia rinnovabile.

SCD-2

Il secondo Data Collection Satellite (SCD-2), sviluppato dal National Institute for Space Research (Inpe), è decollato a bordo del razzo americano Pegasus – lo stesso che ha lanciato l’SCD-1 – il 22 ottobre 1998. Per tutto il tempo suoi più di 20 anni di orbita, l’SCD-2 ha già fatto più di 100mila giri intorno alla Terra.

L’apparecchiatura mira a trasmettere informazioni alle stazioni di ricezione, costituite da circa 750 piattaforme di raccolta automatica dei dati.

Come l’SCD-1, la seconda versione del satellite ha applicazioni meteorologiche e aiuta anche negli studi su correnti oceaniche, maree e pianificazione agricola, ad esempio. SCD-2 orbita attorno al pianeta a un’incredibile velocità di 27.000 chilometri all’ora, il che significa un giro completo intorno al pianeta in 1 ora e 40 minuti.

CBERS

Il programma CBERS ha dato origine a sei versioni del satellite di telerilevamento. Le immagini generate dai sistemi sono utilizzate dalle istituzioni legate all’ambiente. Il servizio è importante per controllare la deforestazione e gli incendi in Amazzonia, monitorare le risorse idriche, le aree agricole, la crescita urbana, l’occupazione della terra e vari altri segmenti.

Il primo satellite del programma è decollato nel 1999 ed è stato operativo per 45 mesi. Nel 2003, dopo l’arresto della prima versione, CBERS-2 è entrato nell’orbita terrestre. Successivamente, anche il CBERS-2B ha iniziato a orbitare attorno al pianeta nel 2007. L’ultimo satellite della famiglia CBERS, 4A, è stato lanciato il 20 dicembre 2019.

SGDC

Il satellite per la difesa geostazionaria e le comunicazioni strategiche (SGDC) è il progetto brasiliano più ambizioso. Lanciato nello spazio il 4 maggio 2017, l’SGDC è il satellite al servizio del Brasile che orbita più lontano dalla Terra: a 36.000 chilometri di altitudine.

Come suggerisce il nome, l’SGDC ha usi civili e militari. È responsabile della fornitura di Internet di qualità, gratuito e ad alta velocità a 12.586 punti sparsi in tutto il paese. Tra le istituzioni beneficiate ci sono scuole, ospedali, unità sanitarie di base, comunità indigene, quilombola, tra gli altri.

SGDC è il primo completamente gestito e controllato dall’amministrazione federale, in una partnership tra Telebras e i ministeri delle comunicazioni e della difesa. Il progetto trasforma la vita dei brasiliani in luoghi del paese in cui le società di telecomunicazioni non hanno interessi commerciali o capacità tecniche per operare. In questo modo promuove l’inclusione sociale e digitale.

L’SGDC svolge anche missioni umanitarie. Durante i soccorsi per le vittime della tragedia di Brumadinho all’inizio del 2019, Telebras ha installato quattro Internet point ad alta capacità, essenziali per aiutare la comunicazione tra le autorità e la popolazione locale.

Il satellite ha anche aiutato con l’Operazione Welcomed a Roraima, quando molti venezuelani hanno iniziato a immigrare in Brasile per sfuggire alla crisi economica e sociale che sta affliggendo il Venezuela.

https://www.gov.br/mcom/pt-br/noticias/2021/janeiro/da-radiodifusao-a-banda-larga-conheca-satelites-brasileiros-que-ajudam-no-desenvolvimento-do-pais

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 × cinque =