La Francia ribadisce la richiesta di revocare il veto all’accordo UE-Mercosur

Il governo francese ribadisce che non sosterrà un patto nella “forma attuale” e chiede una lotta contro la deforestazione e l’adattamento agli standard europei, in un messaggio indiretto al Brasile e Bolsonaro.

Il governo francese ha ribadito mercoledì (03/02) le sue richieste di sospendere il veto all’accordo commerciale tra Unione Europea (UE) e Mercosur.

La Francia non comprometterà le richieste che abbiamo fatto il 18 settembre”

ha detto su Twitter il ministro del Commercio estero francese Franck Riester, al termine di una conversazione con il ministro portoghese Augusto Santos Silva, il cui paese detiene la presidenza dell’UE durante i primi sei mesi. di quest’anno.

Si tratta di “combattere la deforestazione”, “attuare l’accordo di Parigi” sui cambiamenti climatici e “rispettare gli standard europei per i prodotti agroalimentari”, ha affermato Riester.

Fonti dell’ufficio di Riester hanno affermato che il governo francese “non sostiene il progetto di accordo UE-Mercosur così com’è” e che darà “il tempo necessario” per soddisfare le sue esigenze.

Sebbene né il ministro né il portafoglio abbiano menzionato nomi, le richieste sono rivolte in particolare al Brasile e al presidente Jair Bolsonaro.

Relazione segnala l’opposizione 

Il 18 settembre è stato presentato un rapporto indipendente commissionato dal governo francese sul patto UE-Mercosur, che ha sottolineato che l’accordo ha il potenziale per accelerare ulteriormente la deforestazione in Sud America e non fornisce meccanismi sufficienti per garantire la lotta contro i cambiamenti climatici e tutela della biodiversità.

Poco dopo la pubblicazione del rapporto, l’ufficio del primo ministro francese, Jean Castex, ha sottolineato che l’UE dovrebbe continuare a negoziare con il Mercosur per garantire tre punti: frenare la deforestazione; rispetto per l’accordo di Parigi sul clima; e che i prodotti importati dai paesi del blocco sudamericano sono conformi agli standard ambientali e sanitari europei.

“Questo processo richiederà tempo”, hanno detto mercoledì fonti del ministero del Commercio estero francese, aggiungendo che non ci sarebbero stati progressi finché “il livello di ambizione” fissato da Castex non fosse stato raggiunto “in modo credibile, duraturo e verificabile”. L’obiettivo è rendere la politica commerciale coerente con gli “impegni ambientali e climatici” che la Francia ha assunto.

Pubblicato dalla stampa francese, un documento presentato dal governo francese al Comitato per il monitoraggio della politica commerciale (CSPC), che comprende parlamentari, federazioni professionali, sindacati e ONG, descrive alcuni dei requisiti.

Tra questi l’entrata in vigore di un’iniziativa legislativa annunciata dalla Commissione Europea sulla “deforestazione importata”; il ripristino della moratoria sulle coltivazioni di zucchero in Amazzonia; un altro sulla soia; il ritiro di alcune riforme ritenute “dannose” per le foreste; e l’attuazione di maggiori sforzi contro la deforestazione.

Inoltre è richiesta l’entrata in vigore nel Mercosur, con l’aiuto dell’UE, di un sistema che consenta di risalire all’origine dei prodotti vegetali e animali e l’applicazione degli stessi standard di produzione in vigore in Europa in termini di salute e ambiente per prodotti importati da quella regione.

Accordo a rischio

L’accordo UE-Mercosur è stato concluso nel giugno 2019, dopo 20 anni di negoziati. Per entrare in vigore, dipende dalla ratifica di tutti i paesi coinvolti.

All’epoca, il governo Bolsonaro celebrava il risultato come un trionfo della politica estera, ma non smise di inimicarsi le questioni ambientali con diversi paesi dell’UE, rafforzando rapidamente la resistenza al patto.

La Francia, che non ha mai mostrato entusiasmo per l’iniziativa a causa dei timori sul proprio settore agricolo, ha finito per guidare la reazione. Sempre nel 2019, il presidente Emmanuel Macron ha posto un rafforzamento della protezione ambientale in Brasile come condizione per l’attuazione dell’accordo di libero scambio. Nel giugno dello stesso anno, ha spiegato che il patto è stato finalmente chiuso perché Bolsonaro aveva offerto garanzie per la salvaguardia dell’ambiente brasiliano.

Tuttavia, a metà del 2019, di fronte alla drammatica crescita della deforestazione e degli incendi in Brasile, Macron ha dichiarato di voler bloccare la ratifica dell’accordo a causa della politica ambientale di Bolsonaro. Nell’occasione il francese ha anche accusato il brasiliano di mentire sugli impegni presi in ambito ambientale per garantire la buona riuscita dell’accordo.

La reazione furiosa del Brasile

Le accuse hanno provocato una reazione furiosa e scortese da parte di Bolsonaro. Il brasiliano è arrivato ad avallare un post di un follower su Twitter con commenti offensivi sulla comparsa della first lady Brigitte Macron, suggerendo che i francesi avrebbero “invidiato” Bolsonaro. In precedenza, Bolsonaro ha anche annullato un incontro con il ministro francese Jean-Yves Le Drian a Brasilia all’ultimo minuto e ha trasmesso un taglio di capelli in diretta nello stesso momento in cui avrebbe dovuto svolgersi l’incontro.

Non è stato l’unico membro del governo brasiliano a farlo. L’allora ministro dell’Istruzione, Abraham Weintraub, definì Macron “un cretino” e un “bastardo opportunista”. Il ministro dell’Ambiente Ricardo Salles ha giocato sul nome del francese chiamandolo “Micron”. Il ministro Augusto Heleno, dell’Ufficio per la sicurezza istituzionale (Gsi), ha detto che “la Francia non può insegnare a nessuno” e che i francesi “hanno lasciato una scia di distruzione” ovunque andassero.

Dopo che Macron ha reagito, altri paesi europei hanno seguito l’esempio di fronte alla mancanza di azione del governo brasiliano per frenare la deforestazione. Tre parlamenti in Europa (Austria, Paesi Bassi e regione Vallonia in Belgio) hanno già annunciato che non sosterranno l’accordo. Anche il governo irlandese si è pronunciato al riguardo. A ottobre è stata la volta del Parlamento europeo a precisare che non ratificherà l’accordo “nella sua forma attuale”.

Fino al 2020, la Germania era ancora tra i sostenitori europei dell’accordo. L’anno scorso, la cancelliera federale Angela Merkel è venuta a difendere pubblicamente il patto contro le critiche del Bundestag, la camera bassa del parlamento tedesco. Ma alla fine di agosto la Merkel, in un chiaro messaggio al Brasile, ha detto di avere “seri dubbi” sull’attuazione dell’accordo. Il suo ministro dell’Agricoltura si è già opposto.

https://www.dw.com/pt-br/fran%C3%A7a-reitera-exig%C3%AAncias-para-suspender-veto-ao-acordo-ue-mercosul/a-56446588

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

6 + 16 =