Brasile – Processo di adesione all’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN)

In una riunione, il ministro Marcos Pontes ha annunciato che il presidente Jair Bolsonaro ha dato la sua approvazione per continuare il processo che rende il paese un membro associato del CERN

Pubblicato il 21/01/2021 16:40 Aggiornato il 22/01/2021 15:02

 

Il Ministro della Scienza, della Tecnologia e delle Innovazioni, Marcos Pontes, ha detto giovedì (21) che il Presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, ha dato la sua approvazione per continuare il processo di adesione del Brasile come membro associato dell’Organizzazione europea della ricerca Nucleare (CERN). L’annuncio è stato dato durante un incontro virtuale tra il ministro e il direttore generale del Cern, Fabiola Gianotti.

“Ho buone notizie. Ieri ho parlato con il presidente Bolsonaro e il ministro Braga Netto (Casa Civil) e ho spiegato l’importanza del processo. Ti ho informato che il Brasile avrebbe proceduto con la documentazione per ufficializzare finalmente la partecipazione del Brasile come membro associato del CERN ”, ha rivelato Marcos Pontes, confermando l’approvazione del presidente a proseguire il processo di adesione.

L’inclusione del Brasile come membro associato del CERN dovrebbe portare numerosi vantaggi al paese, quali: trasferimento di conoscenze in diverse aree di C, T & I; collaborazione con Sirius, acceleratore di particelle collegato al Centro Nazionale di Ricerca Energia e Materiali (CNPEM / MCTI); cooperazione in materiali avanzati e minerali strategici, come il niobio; accesso al lavoro e alla formazione di ricercatori e manodopera qualificata nazionale; divulgazione e diffusione della scienza; partecipazione alla costruzione dell’agenda scientifica globale; opportunità per l’industria nazionale, basate sulla partecipazione a gare d’appalto;

Il direttore generale del CERN ha ribadito che sta monitorando da vicino il processo di adesione del Brasile all’organizzazione e ha affermato di ritenere che ci siano diverse possibilità di azione convergente tra le nazioni, come nel caso del laboratorio Sirius e anche nei settori della scienza, della tecnologia e dell’innovazione. “Questa associazione tra Brasile e CERN è importante e rafforza le possibilità di partnership”, ha sottolineato.

Il processo di accesso del Brasile all’organizzazione europea per la ricerca nucleare è iniziato nel 2010, quando il CERN ha esteso la possibilità per i paesi non europei di diventare membri associati, a condizione che soddisfacessero criteri di ammissibilità specifici.

Secondo Bernardo Milano, capo della consulenza speciale per gli affari internazionali dell’MCTI, i prossimi passi nel processo di adesione formale del Brasile includeranno una serie di incontri e discussioni con altri ministeri del governo federale, con rappresentanti dell’industria nazionale e membri del Comunità scientifica brasiliana. L’obiettivo è mappare opportunità concrete a breve e medio termine per entrare a far parte del CERN.

IL CERN

Fondata nel 1954, l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare è uno dei centri scientifici più grandi, avanzati e rispettati al mondo. Incentrato sulla ricerca in fisica delle alte energie, si trova al confine della Svizzera con la Francia. Con 23 paesi membri a pieno titolo (Germania, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Slovacchia, Spagna, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Israele, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Serbia, Svezia, Svizzera e Regno Unito), 8 paesi associati (Cipro, Croazia, Slovenia, India, Lituania, Pakistan, Turchia e Ucraina) e 3 paesi con status di osservatore (Giappone, Russia e Stati Uniti), il CERN conduce ricerche basate su hanno partecipato migliaia di scienziati di oltre cento nazionalità.

Tra i più grandi successi dell’organizzazione europea ci sono la prova del bosone di Higgs (“particella di Dio”), la costruzione dell’LHC (Great Hadronic Collider), il più grande e potente acceleratore di particelle del mondo, l’invenzione del World Wide Web (www) , nel 1989 e esperimenti e scoperte sull’antimateria.

All’incontro virtuale hanno partecipato l’ambasciatore brasiliano a Ginevra, Maria Nazareth Farani Azevêdo; il segretario esecutivo di MCTI, Leônidas de Araújo Medeiros Junior; il segretario della ricerca e della formazione scientifica, Marcelo Morales, e il sottosegretario delle Unità collegate dell’MCTI, Darcton Damião.

 

https://www.gov.br/mcti/pt-br/acompanhe-o-mcti/noticias/2021/01/brasil-avanca-em-processo-de-adesao-a-organizacao-europeia-para-a-pesquisa-nuclear

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

18 − sette =