La Cina continua a crescere e rappresenta già il 33,7% del totale delle esportazioni agroalimentari brasiliane

Brasilia – La Cina è stata la destinazione finale del 33,7% di tutte le esportazioni dell’agroalimentare brasiliano nel 2020, generando entrate per 33,988 miliardi di dollari. È stata la seconda quota di un anno chiuso nell’intera serie storica, dietro solo al 2018 (35,0%). Nel 2019, la partecipazione cinese alle vendite estere nel settore è stata del 32,0%. Il ruolo della Cina nel commercio estero agroalimentare supera la somma degli altri 13 principali mercati per i prodotti agricoli brasiliani, tra cui gli Stati Uniti. Secondo i dati del Segretariato per il Commercio Estero (Secex) compilati dal Ministero dell’Agricoltura, le esportazioni del settore lo scorso anno hanno totalizzato 100,8 miliardi di dollari, il 4,1% in più rispetto al 2019 e il secondo miglior punteggio della serie storica, dietro solo ai numeri registrati nel 2018.

Tra i primi dieci prodotti esportati dall’agroindustria brasiliana, la Cina era la destinazione finale di sette: soia, carne fresca, zucchero di canna grezzo, cellulosa, pollo fresco, cotone non cardato o pettinato e maiale in natura. I dati indicano anche un forte aumento delle esportazioni di carne in Cina, con particolare attenzione alla carne fresca. Le vendite totali del prodotto hanno raggiunto una cifra record di 7,5 miliardi di dollari, di cui il 54,2%, o 4 miliardi di dollari, è stato generato dalle esportazioni verso il mercato cinese. Un aumento significativo è stato registrato anche nelle esportazioni di zucchero, con vendite estere per un totale di 7,4 miliardi di dollari, con 1,3 miliardi di dollari destinati al paese asiatico. I numeri relativi alle esportazioni agroalimentari brasiliane verso i principali partner del Paese rafforzano l’importanza della Cina come, di gran lunga, il più grande importatore di prodotti agricoli brasiliani. Mentre le esportazioni verso i cinesi sono ammontate a 33,998 miliardi di dollari, le spedizioni al secondo paese di destinazione principale, gli Stati Uniti, sono ammontate a 6,961 miliardi di dollari. Molto meno espressive sono state le vendite ad altri mercati importanti come i Paesi Bassi (4,074 miliardi di dollari), il Giappone (2,510 miliardi di dollari), la Corea del Sud (2,216 miliardi di dollari), il Vietnam (2,179 miliardi di dollari), la Spagna (2,164 dollari miliardi), Germania ($ 2,074 miliardi), Hong Kong ($ 2,026 miliardi), Turchia ($ 1,903 miliardi) e Thailandia ($ 1,825 miliardi).

Nella valutazione del Ministero dell’Agricoltura, da quest’anno, il mais è un altro prodotto che potrebbe registrare un forte aumento delle spedizioni in Cina. Secondo il Mistero, i governi brasiliano e cinese stanno concludendo l’aggiornamento del certificato sanitario tra i due paesi e la fine delle trattative dovrebbe comportare un forte aumento delle vendite del cereale alla Cina, che ha costantemente ampliato le importazioni di il prodotto.

https://www.comexdobrasil.com/china-segue-avancando-e-ja-responde-por-337-das-exportacoes-totais-do-agronegocio-brasileiro/

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × uno =