Malpensa, decollati per il Brasile 3 milioni di vaccini per la meningite

MALPENSA – Con un volo Cargolux sono decollati ieri sera 14 dicembre da Malpensa, destinazione Belo Horizonte, 3 milioni di dosi di vaccini per la meningite. Si tratta di una spedizione straordinaria che rientra però nell’ordinarietà di Malpensa, polo principale del Sud Europa per il trasporto di medicinali a temperatura controllata. Una spedizione che dimostra nei fatti come la Cargo city dell’aeroporto varesino sia già pronta, in caso di necessità, a gestire l’operazione più importante del 2021: la distribuzione dei vaccini Covid.

I vaccini per il Brasile

Solitamente i vaccini per la meningite con destinazione Sud America viaggiano in quantità più piccole nella pancia degli aerei passeggeri. Il crollo del traffico aereo ha però costretto gli spedizionieri a cambiare strategia, concentrando ben 3 milioni di dosi su un unico volo merci.  A seguire le operazioni di carico era presente ieri in piazzale Giovanni Costantini, senior cargo manager Sea. «L’aereo viene riempito con  contenitori refrigerati che manterranno la temperatura richiesta, in questo caso tra i 2 e gli 8 gradi, per tutta la durata del viaggio. In questo modo i vaccini arriveranno in Brasile in perfette condizioni. Si tratta di un’operazione tutto sommato ordinaria per Malpensa, il principale polo per l’export di prodotti farmaceutici nel Nord Italia. Da qui passano oltre 2 miliardi di euro di farmaci all’anno. Non ci siamo fermati nemmeno durante la pandemia. E’una macchina complessa, ma Malpensa rappresenta un centro di eccellenza, pronta per la gestione dei vaccini Covid in caso di necessità. Qui la filiera logistica è pronta».

La Pharmzone di Alha

Già dal 2015, infatti, negli hangar di Alha è presente “Mxp Pharmazone”, un’ area dedicata alla gestione del freddo e in particolare dei prodotti farmaceutici e healthcare. Si estende su una superficie di 4mila metri quadrati (estendibile con l’utilizzo di altre celle in caso di ulteriore necessità) divisa in diverse aree a temperatura controllata, rispondendo agli stringenti requisiti internazionali richiesti per ottenere la Iata Pharma Ceiv Certification. 
Più in generale negli spazi occupati da Alha a Malpensa, ovvero 40mila metri quadrati di capannoni, vengono gestite ogni anno oltre 300mila tonnellate di merce, servendo più di 30 compagnie aeree e, di questi periodi, fino a 60 voli cargo alla settimana. La grande sfida del 2021 per il settore della logistica, ovvero la distribuzione dei vaccini Covid, non spaventa Lorenzo Schettini Gherardini, Chief Executive Officer del Gruppo Alha. «In questo settore non ci si improvvisa e noi siamo pronti da tempo. Da anni investiamo in strutture, sicurezza, standard di qualità elevati e formazione continua. Qui a Malpensa la catena del freddo è consolidata, anche per mantenere temperature inferiori agli 80 gradi sottozero se necessario».

malpensa vaccini meningite brasile
Alha da anni ha deciso di puntare sulla tecnologia e la modernizzazione degli impianti per intercettare i bisogni dell’industria farmaceutica italiana, un comparto che registra 29 miliardi di euro di produzione, un valore assoluto secondo soltanto a quello della Germania in Europa. Il 72 per cento di quanto viene prodotto in Italia è destinato all’export. La Lombardia è la prima regione italiana per il settore farmaceutico e biotech, con ben 100 aziende farmaceutiche, 30 centri di ricerca aziendali e quasi 100 imprese nelle biotecnologie per la salute.

Tags: , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

18 − 5 =